Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Svizzera: una candidatura per i Giochi olimpici tra molte incertezze

Una pista da bob dismessa: le aspettative di sviluppo delle grandi manifestazioni sportive vanno spesso deluse. © Julian-Nitzsche/pixelio.de

4,5 miliardi di franchi - a tanto ammonta il conto dei Giochi olimpici invernali 2022 in Svizzera. O ancora di più, come dimostrano le passate edizioni. Ne vale la pena? Nel marzo 2013 decideranno i cittadini grigionesi recandosi alle urne.
In Svizzera si disputeranno Giochi sostenibili, possibilmente su neve naturale, con distanze brevi e gare su impianti esistenti. Queste sono le promesse dei promotori della candidatura per i Giochi olimpici invernali 2022 a St. Moritz e Davos.
Ora i conti sono sul tavolo: spese preventivate per 2,8 miliardi di franchi - circa 2,3 miliardi di euro - a fronte di 1,5 miliardi di franchi di entrate previste per diritti televisivi, sponsor e vendita biglietti. Ne risulta un deficit di 1,3 miliardi di franchi, di cui la Confederazione è disposta ad addossarsi un miliardo di franchi. Calcolando anche i costi per le infrastrutture, che ammontano a 1,7 miliardi di franchi, i costi di svolgimento dei Giochi olimpici invernali in Svizzera raggiungono complessivamente i 4,5 miliardi di franchi. Senza considerare i costi per la candidatura di 60 milioni di franchi.
Le ingenti spese sono giustificate con la promozione dell'immagine e i benefici per l'economia interna. Intanto si cerca di rendere la candidatura più attraente per gli abitanti dei Grigioni con progetti infrastrutturali preliminari, in particolare migliorando i collegamenti stradali e ferroviari. Essi potranno decidere nel referendum che si terrà il 3 marzo 2013.
I Giochi olimpici non hanno mai rispettato il bilancio preventivo. Un'altra questione aperta è se questi Giochi olimpici "bianchi" siano ben accetti da parte del CIO (Comitato Olimpico Internazionale). E cosa accadrà se tra dieci anni il riscaldamento globale manderà a monte tutte le previsioni? Le spese - sostengono i promotori della candidatura - sarebbero comunque un buon investimento anche se la Svizzera non si aggiudicasse le Olimpiadi: un guadagno di immagine per la Svizzera.
Fonte e ulteriori informazioni: www.news.admin.ch/dokumentation/00002/00015, www.gr.ch/IT/media/Comunicati/MMStaka/2012, www.umwelt-graubuenden.ch/ (de), www.nzz.ch/aktuell/schweiz (de), www.videoportal.sf.tv (de)