Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Più treni anziché voli brevi

Treni anziché voli: questa la richiesta avanzata da attivisti per il clima a Vienna – già prima della crisi da Covid-19 nel gennaio 2020. © System Change, not Climate Change!

I Governi hanno messo insieme pacchetti di salvataggio per le compagnie aeree per un valore di miliardi, mentre per la protezione del clima si limitano a misure nazionali di scarsa efficacia. Avere più treni anziché voli brevi sarebbe un primo passo.

La compagnia aerea Lufthansa riceve nove miliardi di euro come aiuti di Stato, parte dei quali percepiti per le sue controllate da altri paesi: la Svizzera concede una garanzia statale di 1,5 miliardi di franchi a Swiss e Edelweiss, mentre l’Austria sostiene Austrian Airlines con 450 milioni di euro. Il pacchetto di salvataggio della Francia per Air France ammonta a sette miliardi di euro, l’Italia sostiene le sue compagnie aeree con 300 milioni di euro, la maggior parte dei quali andrà ad Alitalia. La Slovenia non ha più avuto una compagnia aerea nazionale dal fallimento di Adria Airways nel 2019.

Vincoli ambientali: solo aria fritta?

Come contropartita dei pacchetti di salvataggio delle compagnie aeree, i Governi di alcuni Paesi alpini hanno annunciato una regolamentazione ambientale, come in Francia: niente più voli nazionali verso destinazioni raggiungibili in treno entro due ore e mezza. Anche Austrian Airlines in futuro rinuncerà ai brevi voli nazionali. Per quanto possa sembrare un passo coraggioso, gran parte di tutto ciò rimarrà aria fritta: la restrizione austriaca riguarda solo il volo Vienna-Salisburgo, i voli feeder (voli navetta) sono esclusi, e lo stesso vale per la Francia. Per contrastare il dumping dei prezzi dei biglietti aerei, il governo austriaco vuole introdurre un prezzo minimo di 40 euro e il Parlamento svizzero ha deciso un’imposta sui biglietti compresa tra i 30 e i 120 franchi, a seconda della durata del volo. La metà delle entrate andrà alla popolazione, a tutto vantaggio di chi vola poco o per niente. Due università svizzere hanno calcolato che la tassa dovrebbe essere notevolmente più elevata per far sì che a lungo termine il numero dei voli si riduca effettivamente.

Cogliere l’opportunità

Treno o aereo: spesso decidiamo come viaggiare in base al tempo, al comfort e al costo. Biglietti annuali economici – come il “1-2-3 Ticket” previsto in Austria, che per tre euro al giorno mette a disposizione tutti i mezzi di trasporto pubblico – potrebbero incoraggiare a un ripensamento. Inoltre è in atto una rinascita dei treni notturni: la società ferroviaria austriaca ÖBB investe mezzo miliardo di euro in nuovi treni notturni e collabora con le ferrovie svizzere FFS; in questo contesto riprendono diversi collegamenti ferroviari notturni, come ad esempio Zurigo-Amsterdam. “È necessario prendere l’aereo per passare il fine settimana a Zurigo o a Lubiana se è garantito il collegamento con treno notturno?”, si chiede Kaspar Schuler, codirettore della CIPRA International. “Ogni chilometro risparmiato ci aiuta nello sforzo comune per rallentare il cambiamento climatico, che colpisce particolarmente noi abitanti della regione alpina”. La crisi da Covid-19 dimostra quanto rapidamente cambi il comportamento delle persone in materia di mobilità e con quale prontezza sanno reagire i Governi quando la situazione lo richiede. “Ora i Governi dei Paesi alpini devono cogliere l’opportunità e impegnarsi per promuovere viaggi ecocompatibili al di là dei confini nazionali”. Anche il Protocollo Trasporti della Convenzione delle Alpi raccomanda che la mobilità dannosa per l’ambiente debba costare più di quanto non sia costata finora, prosegue Schuler. Progetti della CIPRA come “Youth Alpine Interrail” (www.yoalin.org) mostrano ciò che è possibile: dal 2018 un gruppo di giovani scopre le Alpi in modo ecologico

 

Fonti e ulteriori informazioni:

www.handelsblatt.com/unternehmen/dienstleister/wirtschaftsstabilisierungsfonds-nach-rettung-lufthansa-darf-hilfen-anderer-staaten-annehmen/26104604.html (de), www.srf.ch/news/wirtschaft/lufthansa-rettung-ist-geglueckt-eine-verpasste-chance-fuer-die-klimapolitik (de), www.zeit.de/mobilitaet/2020-06/fluggesellschaften-klimaschutz-corona-krise-politische-vorgaben-kurzstreckenfluege-ideen (de), https://orf.at/stories/3177800/, https://orf.at/stories/3168837/  (de), www.aerotelegraph.com/lufthansa-fordert-millionen-von-adria-airways (de), www.nzz.ch/schweiz/den-sbb-geht-liquiditaet-aus-bund-muss-helfen-ld.1564204 (de), www.nzz.ch/schweiz/so-wirksam-ist-die-flugticketabgabe-von-30-bis-120-franken-ld.1545724 (de), www.aargauerzeitung.ch/wirtschaft/sbb-mieten-nachtzuege-bei-us-firma-ab-2021-sollen-sie-nach-amsterdam-rollen-138787606 (de), https://abouttravel.ch/reisebranche/parlament-beschliesst-flugticketabgabe-zwischen-30-und-120-franken/ (de)