Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Il trasporto merci deve essere trasferito su rotaia

Ingorghi, inquinamento atmosferico e rumore: i veicoli pesanti hanno molti effetti negativi, soprattutto nella regione alpina.

Entro la fine di settembre 2020 i ministri dei trasporti dell’UE intendono raggiungere un accordo per una nuova direttiva sui costi delle infrastrutture (direttiva Eurovignetta) per il traffico di transito. La CIPRA Internazionale e la rete “iMonitraf!” chiedono un rapido accordo per mitigare l’impatto sull’uomo e la natura.

A partire da settembre 2020 la nuova Galleria di base del Ceneri in Ticino/CH consentirà di accelerare il trasporto di passeggeri e merci su rotaia. In occasione dell’inaugurazione i ministri europei dei trasporti si incontreranno per un confronto – con ogni probabilità anche sulla nuova direttiva sui costi delle infrastrutture per il trasporto merci. Ciò che il Parlamento europeo aveva già approvato nell’ottobre 2018, con l’ambiziosa proposta di revisione della direttiva sui costi delle infrastrutture, deve ora essere portato a termine dalla Presidenza tedesca del Consiglio dell’UE. Il ministro dei trasporti tedesco Scheuer ha tuttavia avanzato la proposta che i cosiddetti veicoli a emissioni zero siano esentati da tutti i pedaggi. Su questa base i ministri dei trasporti dell’UE potrebbero trovare un accordo nella riunione del Consiglio del 28 settembre 2020.

La differenziazione dei pedaggi in base alle emissioni di CO2 contribuisce anche al conseguimento degli obiettivi del “Green Deal” europeo, ma non deve compromettere l’obiettivo principale di trasferire il traffico dalla strada alla ferrovia, come sottolinea Kaspar Schuler, codirettore della CIPRA: “Anche se le emissioni medie dei veicoli continuano a diminuire grazie ai nuovi motori, il pedaggio deve essere basato sul principio di causalità. I costi correlati al rumore, alla congestione e l’aumento dei costi infrastrutturali sono generati anche dai veicoli a basse emissioni – anche a questa categoria devono pertanto essere addebitati. Solo una sostanziale tassazione di tutti i veicoli pesanti può garantire un effettivo trasferimento dalla strada alla rotaia”.

Trasparenza dei costi, aumento del fattore montagna nella direttiva sui costi delle infrastrutture e nessuna esenzione totale dal pedaggio per il traffico pesante ad emissioni zero: un documento di posizione congiunto della CIPRA e della rete “iMonitraf!” riassume le loro richieste essenziali ai Ministeri dei trasporti.

 

Fonti e ulteriori informazioni:

www.cipra.org/it/posizioni/direttiva-eurovignetta-sui-costi-delle-infrastrutture-di-trasporto-e-tempo-di-agirewww.cipra.org/it/temi/politica-alpina/focus-traffico-di-transitowww.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-76210.htmlwww.cipra.org/it/comunicato-stampa/il-trasporto-merci-deve-essere-trasferito-su-rotaia