Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Informazioni supplementari

Notizie

Da archivi a dimore della contemporaneità

Due visitatori intenti a “dipingere con i numeri” un vasto paesaggio montano nel Museo alpino svizzero. © Herbert Schweizer

I musei alpini sono più che qualche paio di sci di legno, arredi di case contadine e vecchie foto. Essi si dedicano a conservare, stimolare e fornire ispirazione – si collocano quindi al centro della società.

Sono più di 50 i musei dell’arco alpino dedicati a storie, particolarità e questioni relative alle Alpi: dai piccoli musei locali ai musei dei Club alpini fino a istituzioni nazionali come il Museo alpino svizzero di Berna. Quest’ultimo ha recentemente vissuto momenti difficili. Dopo i drastici tagli di bilancio annunciati dall’Ufficio federale della cultura nell’estate del 2017, il Museo ha rischiato la chiusura. Grazie all’intervento di oltre 16.000 sostenitori, alla fine del 2018 il Parlamento svizzero ha approvato un aumento del finanziamento, sventando così il pericolo.

I tempi difficili offrono anche delle opportunità. Beat Hächler, direttore del Museo alpino, e il suo team hanno colto questa opportunità. “Siamo una dimora della contemporaneità”, afferma Hächler. “Siamo interessati ai temi di cui si occupano le persone oggi”. Tra questi temi al centro dell’interesse rientrano il fascino del paesaggio montano, i cambiamenti climatici, la questione delle seconde case e il lavoro stagionale nelle stazioni di sport invernali.

Mostre interattive

Il Museo Alpino della Slovenia è stato inaugurato a Mojstrana nel 2010. È giovane e vuole rimanere giovane, come dichiara la direttrice del museo Irena Lačen Benedičič: “Chi viene da noi, non deve limitarsi ad attraversare gli spazi espositivi, ma anche partecipare”. La visita del museo è collegata ad un gioco. Chiunque risolva cinque test sul tema dell’alpinismo riceverà un piccolo premio. Anche un vecchio bivacco invita a una fruizione ludica. Dopo molti anni di servizio nelle Alpi slovene, ora si trova nel giardino del museo e viene utilizzato per il rompicapo “Escape Room”.

 

Fonti ed ulteriori informazioni:
www.alpinesmuseum.ch/ithttp://rettungsaktion.alpinesmuseum.ch/it/ #rettungsaktion.alpinesmuseum.ch, www.bernerzeitung.ch/region/bern/das-alpine-museum-ist-vorerst-gerettet/story/28584058 (de),  www.planinskimuzej.si (de, en, sl), www.alpenverein.de/Kultur/Museum (de), www.alpenverein.at/portal/museum-archiv/index.php (de), www.chamonix.com/musee-alpin,49-187321,de.html (fr), www.museomontagna.org/it/home/index.phpwww.messner-mountain-museum.it, www.fortedibard.it/musei/museo-delle-alpi