Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Informazioni supplementari

Notizie

100 punti per proteggere il clima

Con «100max» le famiglie sperimentano insieme stili di vita sostenibili. © Marcel Hagen, Studio 22

Più di 100 famiglie da città e comuni dei sei Stati alpini sperimentano stili di vita rispettosi del clima. La CIPRA segue il progetto transfrontaliero «100max».

Noi mangiamo, acquistiamo vestiti, abitiamo in case, d’inverno le riscaldiamo, d’estate le raffreschiamo e di sera le illuminiamo, viaggiamo in treno, bus e auto – il nostro stile di vita produce direttamente e indirettamente CO2. Ogni persona può emettere un massimo di 6,8 chili di CO2 al giorno, affinché il riscaldamento climatico si mantenga al di sotto dei due gradi. Per contrastare il cambiamento climatico non bastano le conoscenze, serve anche un cambiamento dei propri comportamenti.

Con «100max – il gioco alpino per proteggere il clima» le famiglie e le comunità sperimentano se e come riescono a vivere con 6,8 chilogrammi di CO2 al giorno – cioè con i 100 punti che corrispondono a tale quantità. Le famiglie partecipanti per una settimana a marzo e una settimana a giugno documentano tutto quello che consumano, gli abiti che indossano e come viaggiano. Su www.100max.org si può anche vedere come si comportano le circa 100 famiglie partecipanti negli Stati alpini, così come e dove si possono risparmiare punti.

Dopo la prima settimana di prova emergono già alcuni aspetti: la maggior quantità di CO2 può essere risparmiata nei settori della mobilità e dell’alimentazione. Prima della seconda settimana «100max» a giugno, i partecipanti hanno ora tempo di sperimentare i loro comportamenti al fine di ridurre il loro punteggio nella settimana di giugno. D’altra parte: nella settimana di prova nelle 100 famiglie ci si è baciati complessivamente 268 volte. Senza alcun addebito di punti CO2!

«100max – il gioco alpino per proteggere il clima» è un progetto della CIPRA in collaborazione con «100 punti per una buona giornata» e viene finanziato dal Ministero federale tedesco dell’ambiente.

Fonte e ulteriori informazioni: http://www.cipra.org/it/100max/100max

http://www.eingutertag.org/2841.html