Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Il Parlamento dei giovani della Convenzione delle Alpi prende la parola

YPAC 2013: per la "Città alpina del futuro" i giovani chiedono, tra l'altro, una "Eco-Università" internazionale. © Caroline Begle

Il Parlamento dei giovani della Convenzione delle Alpi YPAC si è riunito a metà marzo a Sonthofen, ha approvato dieci richieste per la "Città alpina del futuro" e ha compiuto il grande passo di presentarsi all'opinione pubblica.
Portano giacca e cravatta, intavolano impegnative discussioni in inglese e in quattro giorni impostano dieci richieste sulla "Città alpina del futuro". Dal 12 al 15 marzo, un'ottantina di giovani di tutti gli Stati alpini hanno discusso a Sonthofen su cosa deve fare un comune per dare un futuro alle nuove generazioni. Una delle loro richieste riguarda un "pacchetto mobilità" per giovani e famiglie per promuovere viaggi sostenibili e la scoperta del patrimonio culturale della regione alpina. Chiedono anche di dare più spazio alle aree ricreative e ai parchi, affinché le persone possano stare a contatto della natura e le città diventino più attraenti e vivibili. Un'altra richiesta è rivolta alle città alpine che intendono migliorare la loro posizione: esse dovrebbero istituire una "Eco-University" che si dedichi in particolare ai temi ambientali e naturalistici. Questa scuola dovrebbe avere un orientamento internazionale e promuovere un programma di scambio tra i Paesi alpini.

Progetti concreti anziché tigri di carta
"L'YPAC di quest'anno è come un puzzle", con queste parole ha iniziato il suo discorso di apertura Ajda Kocutar di Maribor, una dei tre presidenti. Questa volta i temi discussi dai precedenti Parlamenti dei giovani sono stati affrontati insieme: a Sonthofen i giovani hanno discusso in quattro comitati su modelli di consumo, mobilità, abitare e lavoro in città, turismo e tempo libero. Essi non vogliono che sia solo la politica a impostare la "Città alpina del futuro" e questa posizione si è espressa non solo nei discorsi tenuti dai giovani: i ragazzi, dai 16 ai 19 anni, hanno pubblicato una trentina di articoli in diversi giornali e riviste. Hanno ottenuto un invito a Berlino per un colloquio con Peter Altmaier, ministro dell'Ambiente della Germania. "L' YPAC non deve più essere un evento annuale, deve diventare un'organizzazione attiva per tutto l'arco dell'anno", così Florian Gstöhl, proveniente dal Liechtenstein, ha espresso il desiderio di molti giovani colleghi. Perciò nel corso dell'YPAC 2013 è stata costituita anche una piattaforma orientata al futuro, un gruppo di giovani che si sforzano di creare un'interfaccia con la politica.

Dalla teoria alla prassi
"L'YPAC non deve limitarsi a emulare la politica alpina, ma deve dare nuovi impulsi alla partecipazione dei giovani e alla politica urbana, oltre a promuovere progetti comuni", afferma Hubert Buhl, sindaco della città di Sonthofen e presidente dell'associazione "Città alpina dell'anno". Nel corso dell'YPAC alcuni rappresentanti delle "Città alpine", politici dell'Algovia e i giovani hanno potuto confrontarsi in più occasioni. Il bilancio degli studenti: i giovani devono dare il loro contributo alla politica come giovani - non come adulti. Solo così hanno la possibilità di esprimere idee nuove e innovative. Occasioni in tal senso si sono presentate già con l'Assemblea dei soci dell'associazione "Città alpina dell'anno", che si è svolta il 6 aprile a Lecco. Il 5 maggio a Schaan la delegazione del Liechtenstein ha presentato pubblicamente le proprie idee. Herisau e Trento hanno invitato le rispettive delegazioni nazionali a presentare le richieste nel Consiglio comunale.
L'YPAC 2013 è stato organizzato dal Gymnasium di Sonthofen, dalla città di Sonthofen, dall'associazione "Città alpina dell'anno" e ha ricevuto il supporto tecnico dalla CIPRA. Il Parlamento dei giovani è stato reso possibile dal sostegno del programma UE "Gioventù in Azione", e dai Ministeri dell'ambiente tedesco, bavarese e austriaco.
Risoluzioni dell'YPAC e ulteriori informazioni: www.ypac.eu (en), www.cipra.org/it/alpmedia/notizie-it/4817/, www.alpenstaedte.org/it/attualita/notizie
archiviato sotto: , ,