Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Risultati 

307 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento









Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Le Alpi sempre più vicine a Disneyland
Il 29 novembre la Coca-Cola SA ha inaugurato l'Alpen Club Micky Maus nel comprensorio sciistico di Arosa/CH. In un villaggio composto da quattro igloo riscaldati i bambini vengono ospitati e intrattenuti.
Si trova in Notizie
"Escursionismo invernale nel rispetto della natura": pieghevole e concorso
Negli ultimi anni le attività ricreative invernali nella natura sono aumentate in tutte le Alpi. Vengono così frequentate un numero sempre maggiore di aree che finora erano rimaste escluse da sviluppi turistici.
Si trova in Notizie
L'ONU conferma: il cambiamento del clima minaccia gli sport invernali in tutto il mondo
Molte aree sciistiche a bassa quota si trovano ad affrontare difficoltà economiche, se non la bancarotta, a causa del riscaldamento globale del clima: è questa la sintesi di un nuovo studio sugli effetti economici del cambiamento climatico sugli sport invernali. Lo studio è stato commissionato dal Programma per l'ambiente delle nazioni Unite ed è stato presentato in occasione della Conferenza mondiale su sport e ambiente tenutasi a Torino il 2 dicembre.
Si trova in Notizie
Nepal: lo sport in aiuto alle popolazioni locali
l 18 novembre scorso si è disputata, nella Valle del Khumbu - Nepal, la prima edizione della gara di skyrunning "Friendship Everest Skyrace".
Si trova in Notizie
Alpi libere da Olimpiadi: Presa di posizione della CIPRA
La CIPRA Internazionale chiede che le Alpi non siano più sede di Giochi olimpici invernali. Le Alpi devono restare libere da Olimpiadi, come è stato negli ultimi anni. I Giochi olimpici invernali, nella forma attuale, non sono compatibili né ambientalmente né tanto meno socialmente. La CIPRA respinge perciò i Giochi olimpici invernali nelle Alpi - ma anche altrove - nella forma in cui oggi si svolgono. Le esperienze dell'ultimo decennio dimostrano che le montagne non sono adatte a ospitare questi mega eventi, dannosi per l'ambiente e dalle conseguenze rovinose per la società. Le consultazioni popolari svolte nei Grigioni e Monaco di Baviera mettono in evidenza che ampi strati della popolazione alpina non sono più disponibili ad accettare passivamente le conseguenze negative delle Olimpiadi invernali.
Si trova in Posizioni
Risoluzione della CIPRA sui Mondiali 2005 im Valtellina
In occasione del Campionato del mondo di sci del 2005 in Valtellina non sono state sufficientemente rispettate le esigenze di tutela ambientale e si sono verificati interventi dall'elevato impatto ambientale all'interno del Parco Nazionale dello Stelvio. La CIPRA Internazionale chiede che non si verifichino più manifestazioni sportive con un impatto ambientale di tale gravità nello spazio alpino. Chiede inoltre alla FIS (Federazione internazionale sci) di rendere vincolanti i criteri di tutela ambientale nella selezione delle candidature, imponendo per le manifestazioni il riutilizzo delle piste e degli impianti già esistenti.
Si trova in Posizioni
Giochi olimpici invernali: un virus contagioso
Diverse località alpine si candidano per i Giochi olimpici invernali, tra queste i Grigioni/CH e Innsbruck/A. Si richiamano all’«Agenda 2020», che effettivamente promette molto, ma in realtà mantiene poco.
Si trova in Notizie