Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Segnale di partenza per progetti innovativi proposti dai giovani

16/03/2021
Lezioni all’aperto, un festival musicale organizzato in modo sostenibile, workshop sulla prevenzione dei rifiuti: il 9 dicembre 2020 i giovani di Italia, Liechtenstein e Slovenia hanno presentato le loro idee per un futuro più sostenibile in occasione dell’avvio del progetto Alps2030.
Image caption:
Giovani dalla Slovenia, dall’Italia e dal Liechtenstein hanno presentato i loro progetti e le loro idee per un impegno sostenibile nella regione alpina. (c) Caroline Begle, CIPRA International

Discussioni sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS), fare conoscenza, presentazioni di idee creative: l’avvio del progetto biennale Alps2030 ha avuto luogo il 9 dicembre 2020 nell’ambito della “SettimanaAlpina Intermezzo”. Il primo passo ha dimostrato che molti giovani stanno già pensando a un futuro più rispettoso del clima, osserva soddisfatto Christina Thanner, responsabile di progetto della CIPRA. I partecipanti del Liechtenstein, ad esempio, hanno dimostrato che anche la sostenibilità può essere divertente: si sono posti l’obiettivo di organizzare il festival “Planken rockt” nell’agosto 2021 in modo sostenibile. Anche il team italiano vuole organizzare “eventi verdi”, come hanno spiegato in un breve messaggio video i suoi componenti. Vogliono dimostrare che fare festa e godersi la vita non sono in contraddizione con gli OSS. Lezioni all’aperto, creazione di un luogo d’incontro orientato alla natura nella biblioteca della scuola, workshop sulla riduzione dei rifiuti, costruzione di una biblioteca di cose utili: anche i giovani sloveni hanno presentato un gran numero di idee e azioni creative che vorrebbero realizzare nell’ambito del progetto.

Con il progetto Alps2030 la CIPRA International, l’associazione Città alpina dell’anno, fondazione OJA di Schaan, Planken e Eschen/LI e le quattro Città alpine dell’anno Tolmino/S, Idrija/S, Belluno/I e Chamonix/F contribuiscono all’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile a livello locale. I giovani tra i 13 e i 25 anni partecipano con le loro idee alla vita politica e sociale dei rispettivi comuni. Imparano così che loro stessi sono in grado di avviare il cambiamento e di trasformare le loro idee in realtà. Il progetto è finanziato dal programma Erasmus+ dell’Unione Europea.