Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Punto di vista: In viaggio attraverso le Alpi – all’insegna di partecipazione attiva e sostenibilità

Magdalena Christandl, membro della Consulta dei giovani della CIPRA © Darko Todorovic

Sostenibilità e voglia di viaggiare non devono necessariamente escludersi a vicenda: “L’Interrail alpino dimostra in modo esemplare come si possono sensibilizzare ed entusiasmare i giovani per il loro ambiente”, dichiara Magdalena Christandl della Consulta dei giovani della CIPRA.

Quest’anno il “Youth Alpine Interrail” Pass consente per la prima volta di scoprire otto Paesi alpini viaggiando con mezzi di trasporto pubblici ad impatto zero sul clima – alla modica cifra di 50 euro. Potranno avvalersi di questa opportunità 100 giovani di età compresa tra 16 e 27 anni – ma a presentare richiesta sono stati più di 450. I partecipanti selezionati iniziano il loro viaggio a luglio 2018 e riferiranno della loro avventura su social media e sul sito web.

Il progetto ha preso le mosse da noi, dalla Consulta dei giovani della CIPRA, composta da undici giovani dello spazio alpino. L’iniziativa evidenzia che noi vogliamo assumerci le responsabilità per il futuro del nostro spazio vitale e portare un contributo alla politica con le nostre idee.

Il nostro impegno va nella direzione di poter viaggiare nelle Alpi in modo più rispettoso del clima, con maggior consapevolezza – e soprattutto a costi alla nostra portata. Con il progetto pilota “Youth Alpine Interrail” compiamo un enorme passo verso questo obiettivo. La partecipazione dei giovani consente di far emergere nuove idee innovative e, con l’aiuto di rappresentanti politici e amministratori, di metterle in pratica.

Grazie al coinvolgimento in tutte le fasi del progetto, è decisamente alto il grado di identificazione con il “nostro” Pass, inoltre siamo disponibili ad assumerci la responsabilità e a investire molto tempo libero per fornire un’alternativa a lungo termine a forme di mobilità dispendiose in termini di risorse. Nell’attuazione e nella candidatura emerge chiaramente che l’iniziativa è stata sviluppata da e per noi giovani.

Molti giovani nelle Alpi hanno maggiori conoscenze di Paesi lontani rispetto al territorio circostante perché spesso prendere l’aereo costa meno ed è più semplice. Noi stessi viaggiamo di frequente e sappiamo come stanno le cose a proposito di viaggiare nelle Alpi, soprattutto però sappiamo che cosa serve in termini di forza di persuasione affinché anche altri giovani passino regolarmente a forme di mobilità sostenibili.

Con il tempo ci siamo resi conto di un altro aspetto, probabilmente di pari importanza: il rafforzamento dell’identità alpina. Molti infatti erano già stati in lontane isole del Pacifico, ma non avevano ancora visitato i Paesi confinanti.

Un fattore decisivo per questo successo è certamente il fatto che la nostra idea ha avuto un ascolto aperto in alcuni paesi alpini e che a nostra volta abbiamo ricevuto un grande sostegno da parte loro e da CIPRA International per convincere gli altri paesi del progetto. Per questo prosegue il nostro forte coinvolgimento, ci sentiamo ascoltati e continuiamo a essere motivati a dire la nostra in questioni politiche.

Noi vogliamo che stili di vita sostenibili e in particolare modalità di viaggio a impatto zero sul clima diventino pratiche diffuse e consolidate. Solo così possiamo preservare la ricchezza naturale e la bellezza delle Alpi anche in futuro.

Il “Youth Alpine Interrail” Pass dà nuovi impulsi alla mobilità alpina e allo stesso tempo incoraggia altri giovani a prendere contatti con i decisori presentando loro le proprie idee. Il progetto pilota ha dimostrato che la domanda è presente – ora occorre andare avanti! Noi confidiamo che gli attuali sostenitori dell’iniziativa in accordo con le società ferroviarie degli Stati alpini si decidano a portare avanti il nostro progetto.

Sito web del progetto: yoalin.org
Facebook e Instagram