Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Guadagno per la tutela del paesaggio

(c) Montaggio immagini: https:\\unsersattelberg.wordpress.com, Foto: Claude Le Pennec

Il contestato parco eolico del Sattelberg, sul Brennero, è stato respinto in seconda e ultima istanza dal Consiglio di Stato a Roma.

Si tratta di un grande successo per le associazioni ambientaliste dei due versanti del Brennero che avevano impugnato il progetto. Con la sua ordinanza, il Consiglio di Stato condivide le preoccupazioni più volte avanzate dalla CIPRA Alto Adige  - Federazione delle associazioni di protezione della natura e dell’ambiente - insieme all’Alpenverein Südtirol, al Club Alpino Italiano, al Club Alpino austriaco e al Club Arc Alpin - Federazione dei club alpini:l'installazione di 19 pale eoliche nel paesaggio alpino a circa 2.500 metri di altitudine e in mezzo ad una rotta di migrazione dell’avifauna di importanza europea, non è giustificabile nemmeno con l’argomento della transizione energetica. La stretta cooperazione dei club alpini e delle associazioni ambientaliste si è quindi rivelata vincente riuscendo a fare sì che una parte del nostro paesaggio unico ed eccezionale venga conservato.
Nella sua sentenza il Consiglio di Stato critica in particolare il governo provinciale dell’Alto Adige per non aver tenuto conto della valutazione negativa del comitato per le verifiche di impatto ambientale. Anche le posizioni e i pareri di organizzazioni ed enti pubblici e privati italiani ed austriaci non erano stati considerati a sufficienza. Con la sentenza si ribadisce anche nella Costituzione che il paesaggio è considerato un bene ambientale da tutelare.
La sentenza è inoltre di riferimento per il diritto ambientale europeo, in quanto il Consiglio di Stato attribuisce al Club Alpino austriaco la legittimazione al ricorso in Italia per progetti con un impatto ambientale di valenza transfrontaliera. La qualifica di parte nel procedimento vale quindi anche per altri progetti transfrontalieri con un grande impatto ambientale. Le ONG sperano che questa sentenza di ultima istanza metta la pietra tombale definitiva sul progetto del parco eolico al Brennero.

www.cipra.org/de/CIPRA/cipra-suedtirol (de)

Fonte: Relazione annuale 2014, CIPRA International, http://www.cipra.org/relazione-annuale