Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Informazioni supplementari

Notizie

Ancora moto sui sentieri di montagna?

Motociclisti sui sentieri di montagna: un’attività perlopiù vietata che viene praticata a scapito degli escursionisti e della fauna selvatica. 

Momentaneamente scongiurato il transito di motociclisti sui sentieri di montagna della Carnia tra Italia e Austria grazie all’intervento delle associazioni ambientaliste locali. Ma il problema delle moto rimane.

Doveva essere un continuo sali-scendi su sentieri, mulattiere e sterrate il percorso ideato dagli organizzatori della Motocavalcata delle Alpi Carniche che si è svolta domenica 18 giugno tra le montagne della Carnia (Friuli). Fortunatamente dal percorso sono stati eliminati i tratti di sentieri (alcuni dei quali regolarmente curati dal locale Club Alpino), grazie all’intervento delle associazioni ambientaliste locali, Legambiente e CAI del Friuli in primis, che hanno presentato dettagliate osservazioni sulle criticità dell’iniziativa. Nonostante la legge regionale non consenta il transito di motocicli sui sentieri, gli organizzatori avevano chiesto all’UTI della Carnia (Unione Territoriale Intercomunale che ha competenza in materia) di rilasciare un’autorizzazione in deroga alla legge.

Questo genere di iniziative è frequente nelle montagne del Friuli. Oltre alla Motocavalcata delle Alpi Carniche si svolgono infatti analoghe manifestazioni motociclistiche come il Mulatrial delle Valli del Natisone o altre iniziative, che attirano numerosi motociclisti stranieri nei cui paesi tali attività sono vietate. Al di là del disturbo alla fauna, del rumore e del danneggiamento dei sentieri, tali attività sono fortemente in conflitto con forme di fruizione turistica della montagna più rispettose. Per questo le associazioni ambientaliste chiedono alla Regione Friuli Venezia-Giulia una moratoria sulle autorizzazioni per questo genere di attività, regolamenti più restrittivi e maggiori controlli. Perché sui sentieri di montagna si possa continuare ad andare a piedi.

 

Fonti e ulteriori informazioni: www.ilpais.it/2018/06/08/cai-e-associazioni-ambientaliste-contro-lautorizzazione-della-motocavalcata-delle-alpi-carniche-e-la-pratica-abusiva-degli-sport-motoristici-in-montagna , https://cms.legambientefvg.it/circoli/carnia-val-canale/1834-osservazioni-sulla-motocavalcata-2018.html

archiviato sotto: ,