Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Un progetto pilota per il "futuro delle Alpi"

La Fondazione MAVA per la protezione della natura di Montricher/CH ha lanciato l'idea di un progetto pilota per il futuro delle Alpi. Essa ha dato incarico alla Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi CIPRA e all'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL) di definire il quadro per un tale progetto. Il progetto dovrà partire tra un anno e svilupparsi nell'arco di tre anni.
Attualmente in numerose regioni periferiche delle Alpi si osserva un crescente malessere e una diffusa incertezza rispetto all'avvenire. Con l'affermarsi della globalizzazione è sempre più difficile per gli attori e i soggetti decisionali locali e regionali dare un nuovo orientamento alla propria regione. La tendenza va in direzione di una concentrazione di potere nei grandi centri. Le regioni periferiche sono in cerca di alternative per assicurare lo sviluppo che esse hanno finora conosciuto, che spesso si rivela ora superato e senza futuro. Questa situazione, per quanto spiacevole e drammatica, rappresenta una chance per un'inversione di tendenza e per mobilitare nuove energie e risorse per uno sviluppo sostenibile nelle Alpi.
Come primo passo la CIPRA e il WSL intendono coinvolgere un numero limitato di attori e di istituzioni attivi in diversi settori in un progetto preliminare, per sviluppare e definire poi il progetto vero e proprio dal titolo "Un futuro per le Alpi". Il progetto terrà conto in modo equilibrato degli aspetti ambientali, economici e sociali.
I risultati del progetto preliminare saranno presentati alla Fondazione MAVA tra un anno. Il progetto pilota sarà avviato nell'autunno 2004 e si svilupperà nel corso di tre anni. I primi risultati non si avranno però solo alla conclusione del progetto, ma dovranno emergere ed essere utilizzabili durante tutto il suo sviluppo.