Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Informazioni supplementari

Notizie

La Rete di comuni per la protezione della natura

La conservazione della biodiversità è un fattore centrale per i 25 comuni alpini impegnati nel progetto dynAlp-nature. © Katharina Wieland-Müller / pixelio

La natura non conosce confini. Per questo 25 membri della Rete di comuni "Alleanza nelle Alpi" collaborano per aumentare la biodiversità e migliorare la qualità della vita. Che cosa sono i progetti internazionali di dynAlp-nature.
Piante e animali non si fermano davanti ai confini comunali o di Stato. Ciò deve dunque valere anche per la protezione della natura: i membri della Rete di comuni "Alleanza nelle Alpi" collaborano in quattro progetti sui temi della gestione dei flussi turistici, delle aree verdi ecologiche negli insediamenti, delle zone umide e della commercializzazione di prodotti regionali. Alle cooperazioni partecipano comuni da tutti i sette Stati alpini. Chambéry métropole/F, ad esempio, attua un piano d'azione per la protezione e la rinaturalizzazione delle zone umide. La città francese si avvale del supporto tecnico del comune austriaco di Krumbach/A, che alcuni anni fa aveva deciso di non costruire una piscina e di privilegiare la conservazione e la valorizzazione delle torbiere. I comuni sloveni di Kranjska Gora e Kamnik realizzano frutteti con antiche varietà di frutta locali e condividono l'attenzione per un verde urbano con un'impostazione ecologica con comuni da Francia, Austria, Liechtenstein e Svizzera.
I progetti, in corso con il titolo "dynAlp-nature", offrono ai comuni l'opportunità di guardare al di là del proprio orizzonte e di mettere in pratica iniziative, che altrimenti non sarebbero attuabili per la mancanza delle risorse necessarie. In passato si sono già svolti tre programmi DYNALP per i membri della Rete di comuni. Fin dall'inizio i progetti dynAlp sono seguiti dalla CIPRA.
Fonte e ulteriori informazioni:
www.alpenallianz.org/it/progetti