Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Informazioni supplementari

Notizie

Più di 300 comuni forgiano l'Alleanza

Chambéry

Chambéry: con l'adesione dell'agglomerazione francese, raggiunge il 7,5% la percentuale della popolazione alpina appartenente alla più grande rete di comuni dello spazio alpino. © Antoine Berger

La Rete di comuni "Alleanza nelle Alpi" cresce: con l'adesione dell'area metropolitana di Chambéry salgono a 316 i comuni appartenenti alla Rete per lo sviluppo sostenibile nelle Alpi.
Difesa del clima, sviluppo regionale, mobilità. I comuni alpini sono posti di fronte a difficoltà simili. Rappresentano ormai quasi il 6%, in tutto 316 municipalità, prevalentemente di piccole dimensioni, i comuni che hanno deciso di unirsi in una rete panalpina. Quest'anno sono diventati membri dell'"Alleanza nelle Alpi" l'agglomerazione di comuni Chambéry metropoli e la regione austriaca del Bregenzerwald posteriore. Quattro nuovi membri provengono dall'Italia: la Provincia di Trento in qualità di membro cooperante, il comune di Vallarsa, la Comunità di Primiero e la Comunità territoriale della Val di Fiemme.
Attraverso il programma per la protezione del clima dynAlp-climate, la Rete di comuni finanzia attualmente diversi progetti in 20 comuni: ad esempio nei comuni sloveni di Kamnik, Bovec, Bohinj e Kranjska Gora i bambini delle scuole materne trascorrono ogni lunedì nel bosco e in questa scuola all'aria aperta imparano cosa significa il cambiamento climatico per il bosco e i suoi abitanti.
Fonte e ulteriori informazioni: www.alpenallianz.org/it, www.alpenallianz.org/it/progetti
archiviato sotto: