Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Ai comuni montani italiani una parte degli proventi dello sfruttamento idroelettrico

Grazie all'impegno dell'UNCEM una parte dei proventi dello sfruttamento idroelettrico andrà ai comuni montani italiani.

Grazie all'impegno dell'UNCEM una parte dei proventi dello sfruttamento idroelettrico andrà ai comuni montani italiani. © "Alleanza nelle Alpi"

L'UNCEM ha intrapreso nei mesi scorsi una serie di iniziative per scongiurare gli effetti della legge finanziaria nazionale destinata a colpire i piccoli comuni e le comunità montane in settori chiave come scuola, sanità, trasporti e agricoltura.
La stessa legge finanziaria prevede anche l'azzeramento delle indennità per i presidenti e gli assessori delle comunità montane. Con una serie di manifestazioni culminate con il diga day, l'UNCEM ha chiesto che ai territori montani vengano destinati i proventi dello sfruttamento idroelettrico. Su questo tema, dopo un confronto con il Governo, è stato ottenuto un risultato positivo: la compartecipazione per gli enti locali agli utili dell'idroelettrico mediante l'aumento dei sovracanoni per le concessioni di grandi derivazioni di acqua. Il valore dell'energia che deriva dall'idroelettrico è infatti di oltre 4 miliardi di euro l'anno, una cifra importante dalla quale gli enti locali del territorio erano del tutto esclusi.
Fonte: www.uncem.it (it)