Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

La produzione energetica minacciata dal ritiro del ghiacciaio

L'arretramento del ghiacciaio della Mer de Glace, nelle Alpi francesi, provoca conseguenze concrete per lo sfruttamento idroelettrico. L'approvvigionamento idrico della centrale idroelettrica di Bois, alimentata dall'acqua di deflusso del ghiacciaio, è messa in pericolo dal ritiro del ghiacciaio.
Dal 1850 la lunghezza del ghiacciaio è diminuita di 150 metri e ha perso la metà del proprio spessore. Attualmente il ghiacciaio perde ogni anno 30 metri di lunghezza e da 4 a 6 metri di spessore. Di fronte al ritiro del ghiacciaio, la captazione dell'acqua a 1490 metri di quota risulta perciò ormai troppo in basso; la nuova presa dovrà essere spostata mille metri più in alto, in un punto in cui il ghiacciaio ha uno spessore di 200 metri.
La centrale, costruita negli anni '70 per un costo complessivo d 20 milioni di Euro, produce attualmente 115 milioni di kWh all'anno, sufficienti a fornire elettricità a 40.000 persone.
Fonte: www.lefigaro.fr/sciences, 25.04.2008