Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

L'UE sottoscrive il protocollo Trasporti della Convenzione delle Alpi

Il 12 ottobre 2006 il Consiglio dei Ministri dei trasporti dell'UE ha sottoscritto il protocollo Trasporti della Convenzione delle Alpi, dando un importante segnale per una politica dei trasporti a livello alpino. Già nel 2003 la CIPRA Internazionale aveva chiesto con una risoluzione la ratifica e l'attuazione del protocollo Trasporti da parte di tutte le Parti contraenti.
Il 12 ottobre 2006 il Consiglio dei Ministri dei trasporti dell'UE ha sottoscritto il protocollo Trasporti della Convenzione delle Alpi, dando un importante segnale per una politica dei trasporti a livello alpino. Già nel 2003 la CIPRA Internazionale aveva chiesto con una risoluzione la ratifica e l'attuazione del protocollo Trasporti da parte di tutte le Parti contraenti. Senza dimenticare che l'UE, la Svizzera, l'Italia e il Principato di Monaco devono ancora ratificare il protocollo, occorre ora procedere con urgenza all'attuazione.
La discussione nell'UE durava dall'inizio degli anni '90, incontrando in particolare l'opposizione dell'Italia. Ancora a giugno di quest'anno, oltre all'Italia, anche diversi Stati non alpini si erano espressi contro l'accordo. La sottoscrizione ha ora reso possibile una dichiarazione concordata aggiuntiva, in base alla quale gli Stati stabiliscono che la Convenzione delle Alpi è in armonia con il diritto comunitario dell'UE.
Con la sottoscrizione l'UE si impegna a definire e attuare una regolamentazione del trasporto merci e ad adottare misure per trasporti più sostenibili nello spazio alpino. Esse comprendono la rinuncia a costruire nuove strade di grande comunicazione attraverso le Alpi, la riduzione delle emissioni inquinanti e una maggiore applicazione della verità dei costi in base al principio di causalità (chi inquina paga). Il protocollo Trasporti costituisce un fondamento a livello alpino per l'attuazione di una politica dei trasporti comune dei Paesi UE, del Liechtenstein e della Svizzera.
L'UE è l'ultima delle nove Parti contraenti (gli otto Paesi alpini e l'UE) a sottoscrivere il protocollo Trasporti, che invece è già stato ratificato, ed entrato in vigore per la prima volta nel 2002, in Austria, Germania, Liechtenstein, Slovenia e Francia; in Italia la ratifica dovrebbe essere imminente.
La Svizzera invece non ha ancora ratificato il protocollo Trasporti, e neppure gli altri protocolli attuativi, nonostante il suo contributo, come precorritrice di una politica dei trasporti sostenibile, sarebbe particolarmente richiesto.
Informazioni sulla Convenzione delle Alpi: www.cipra.org (de/fr/it/sl), www.alpenkonvention.org (de/fr/it/sl)
Fonti: Comunicato stampa dell'Iniziativa delle Alpi e della CIPRA Svizzera; http://derstandard.at/ (de)