Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Informazioni supplementari

Notizie

Un'altra autorizzazione per l'abbattimento di un lupo in Svizzera

Per la seconda volta quest'anno è stato autorizzato l'abbattimento di un lupo in Svizzera, con la motivazione che esso si sarebbe reso responsabile della predazione di una trentina di pecore nella Val d'Illiez.
Per la seconda volta quest'anno è stato autorizzato l'abbattimento di un lupo in Svizzera, con la motivazione che esso si sarebbe reso responsabile della predazione di una trentina di pecore nella Val d'Illiez. Secondo la "Strategia lupo Svizzera" dell'Ufficio federale dell'ambiente, l'autorizzazione di uccidere un lupo può essere concessa. Il WWF Svizzera chiede di modificare la strategia per garantire la sopravvivenza della specie, che è rigorosamente protetta. All'occorrenza il WWF presenterà ricorso contro l'autorizzazione di abbattimento.
Come dimostrano le esperienze in Italia, la protezione delle greggi mediante cani e recinti elettrificati consente una coesistenza pacifica con il lupo. Nonostante la presenza di un numero maggiore di lupi, in Italia si possono così evitare gli abbattimenti. In una risoluzione del 2005 la CIPRA, Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi, chiedeva di rinunciare agli abbattimenti fino al raggiungimento dell'obiettivo di una presenza stabile e duratura del lupo nelle Alpi. Attualmente nel Parco nazionale del Mercantour in Francia un gruppo di ricercatori e ricercatrici sta lavorando, con il sostegno dell'esperto di lupi americano Carter Niemeyer, per riuscire a catturare i lupi mediante trappole senza ferirli. Fonte e info: www.wwf.ch/medien (de/fr/it), www.cipra.org (de/fr/it/sl)