Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Aumento di quattro volte delle capacità: possibile anche senza nuovi tunnel di base

L'aumento delle capacità e un miglior sfruttamento della rete ferroviaria esistente offrono un'alternativa a costi contenuti alla costruzione di grandi opere. Queste capacità potrebbero essere realizzate in tempi brevi se venissero poste le opportune condizioni quadro politiche.
Oggi le Alpi sono attraversate da cinque importanti linee ferroviarie a due binari - Moncenisio, Sempione, Gottardo, Brennero e Tarvisio. Complessivamente nel 2003 su di esse sono state trasportate 43,4 milioni di tonnellate nette (mio Nt) di merci, pari a circa il 34% del trasporto merci transalpino complessivo - su gomma e su rotaia - nello stesso tratto della catena alpina (128 mio Nt).
Grandi effetti con investimenti modesti
Su una linea ferroviaria a due binari dotata di moderne tecnologie possono senz'altro transitare 150 coppie di treni, cioè 300 treni al giorno. Questo numero può essere ancora incrementato quanto più è omogenea la velocità dei singoli treni.
Supponendo che 80 treni siano adibiti al trasporto passeggeri, restano 220 treni al giorno a disposizione del trasporto merci. Per un carico rimorchiabile medio di 900 tonnellate nette per treno e 300 giorni lavorativi all'anno, risulta una capacità di trasporto di 59,4 mio Nt. Tuttavia sarebbe già un ottimo risultato, e assolutamente realistico, se si raggiungesse la metà di tale capacità, cioè 30 mio Nt/anno.
Gli attuali punti deboli che si frappongono al raggiungimento di questo obiettivo non consistono tanto nell'insufficienza di binari sulle tratte principali, quanto piuttosto nella necessità di adeguare i nodi di rete, di potenziare i terminal e modernizzare la logistica. Occorre inoltre aumentare la dotazione di locomotive multitensione e in generale rinnovare il parco rotabile.
La tabella sottoriportata presenta una panoramica sulle quantità di merci attualmente trasportate per ferrovia dalle cinque principali trasversali alpine, sulle possibili quantità trasportabili e sull'attuale tasso di utilizzazione. Mediamente le capacità di trasporto sono oggi utilizzate per uno scarso 30%.

Quadruplicamento delle capacità realizzabile in tempi brevi
Se tutte e cinque le trasversali ferroviarie alpine che valicano la catena alpina fossero efficacemente utilizzate, le capacità di trasporto si attesterebbero sulle 150 mio Nt all'anno, il che corrisponde ad un triplicamento del tonnellaggio oggi trasportato. E sarebbe superiore al quantitativo complessivo, su gomma e su rotaia, che oggi attraversa l'arco alpino (128 mio Nt tra il Moncenisio e Tarvisio). Gli investimenti e i tempi a ciò necessari sarebbero incomparabilmente inferiori rispetto a quanto richiesto dalla costruzione delle nuove trasversali alpine.