Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Informazioni supplementari

Notizie

Incendi boschivi nelle Alpi

La siccità perdurante in Europa si avvicina sempre più alla drammatica situazione del 1976. In Francia le Alpi del sud sono attualmente devastate da gravi incendi forestali. Il 30 luglio nelle Alpi Marittime circa 400.000 famiglie sono rimaste senza elettricità per consentire ai velivoli antincendio di operare senza rischi.
Per il momento la siccità, che dura da febbraio, non viene ancora considerata un evento drammatico dagli specialisti. Le falde freatiche profonde sono ancora ad un buon livello, mentre le falde alluvionali di spessore limitato, come si incontrano nelle valli alpine, sono ad un livello nettamente inferiore rispetto alla norma. Se ad agosto continuerà la carenza di precipitazioni che ha caratterizzato giugno e luglio, i problemi catastrofici per l'agricoltura e per l'approvvigionamento di acqua potabile diventeranno però catastrofici.
La situazione attuale penalizza in particolare l'agricoltura: il foraggio ha cessato di crescere e ad ovest delle Alpi numerosi allevatori hanno iniziato ad utilizzare le riserve di foraggio per l'inverno.
Sul fronte degli incendi la situazione si aggrava dalla metà di luglio: più di 8.000 ettari di foreste sono già andati in fumo, causando la morte di quattro persone.
Le conseguenze di questi incendi boschivi sono meno drammatiche in pianura che in montagna, dove le difficoltà di accesso aggravano le operazioni di spegnimento. Inoltre, i terreni messi a nudo dal passaggio delle fiamme sono soggetti ad un'erosione più intensa, rallentano il ritorno della vegetazione e mettono in pericolo le infrastrutture che si trovano a valle. La tendenza osservata dai climatologi di un aumento dell'intensità delle precipitazioni aggrava il problema dell'erosione.
Anche diversi cantoni delle Alpi svizzere sono interessati dal rischio degli incendi boschivi. Le autorità hanno perciò vietato fuochi artificiali e altri razzi pirotecnici in occasione della festività nazionale del 1° agosto.
Fonti: Le Monde 29.07.2003, SDA, www.incendiboschivi.org/docum/prevenz/alpi (it)
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter