Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Il lupo (Canis lupus)

© paukereks piexelio.de

I lupi vivono nelle Alpi in branchi composti da due a sei animali. Di norma è la sola femmina alfa ad accoppiarsi. Quando l’uomo interviene sulla popolazione in maniera inappropriata, la naturale «struttura familiare» viene distrutta e l’equilibrio riproduttivo risulta compromesso. Contrariamente all’uomo, i lupi cacciano prevalentemente animali selvatici malati ed anziani e, in misura minore, i giovani. In tal modo contribuiscono a mantenere in equilibrio la fauna selvatica. Dove la fauna selvatica è abbondante e dove gli animali da allevamento vengono custoditi, anche la pressione su questi ultimi – e in particolare gli ovini – è minore. Per avere un ordine di grandezza: dei circa 200.000 ovini al pascolo in Svizzera, ogni anno circa 200 sono vittime del lupo. Circa 4.000 invece periscono in altro modo: in seguito a malattie, cadute o simili. L’incontro con l’uomo è piuttosto raro. Particolare attenzione è necessaria in presenza di un cane.

Secondo l'ultimo rapporto del gruppo di lavoro "Wolf Alpine Group", 35 branchi e 6 coppie di lupi erano presenti nelle Alpi nel 2012. La maggior parte di essi viveva nelle Alpi orientali italiane e in Svizzera. Pertanto la sopravvivenza del lupo nelle Alpi non è affatto assicurata.

 

Fonti ed ulteriori informazioni: