Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Eusalp diventa operativa

Bildlegende Le manifestazioni nell’ambito di Eusalp si sono svolti nel febbraio 2017 nelle Alpi bavaresi. © Aah-Yeah_flickr

Con la prima assemblea generale a Rottach-Egern/D la Strategia dell’UE per la Regione alpina (Eusalp) ha compiuto un passaggio importante. Ma non tutto fila liscio.

Un anno dopo l’inizio a Brdo in Slovenia, la Presidenza della Strategia europea per la regione alpina (Eusalp) è passata dalla Slovenia alla Baviera. L’occasione è stata offerta dalla prima assemblea generale che si è svolta il 13 febbraio 2017 a Rottach-Egern/D. “Eusalp non è un’istituzione politica. In base alla definizione che si è data, Eusalp rappresenta una reazione alle sfide di fronte alle quali sono poste oggi la società e l’ambiente dei Paesi alpini. Attraverso nove gruppi d’azione tematici verranno affrontate insieme una serie di problematiche transfrontaliere. Al termine dell’assemblea generale questi gruppi d’azione hanno definito i loro programmi di lavoro a Garmisch-Partenkirchen/D.

Attenzione alle strumentalizzazioni

Gli attori coinvolti sono al lavoro con diverse celerità e intensità. La CIPRA International segue questi sviluppi con attenzione, sia come membro dei gruppi d’azione “Mobilità”, “Risorse naturali” e “Connettività ecologica”, sia seguendo gli altri gruppi d’azione con un atteggiamento critico-costruttivo in qualità di osservatrice. Nella prospettiva della CIPRA alcuni sviluppi sono da considerare positivamente, altri invece richiedono ancora di essere seguiti con attenzione. “Un punto a cui prestare particolare attenzione è quale concezione hanno del proprio ruolo i decisori all’interno di Eusalp”, sottolinea Andreas Pichler, direttore della CIPRA International. Un tema che già prima della manifestazione è stato oggetto di discussione. “Eusalp non può e non deve essere strumentalizzata per favorire gli interessi di singoli gruppi”. Come accaduto ad esempio con il tentativo di rianimare l’autostrada Alemagna facendola passare dalla porta di servizio attraverso Eusalp.
Già nel periodo precedente la CIPRA International aveva formulato in un documento di posizione le sue richieste nei confronti di Eusalp.

Nuovi orizzonti

Con la strategia macroregionale per la regione alpina ci si addentra in una terra inesplorata. Secondo Pichler si tratta di mantenere la giusta rotta cercando di perseguire una strategia equilibrata e proficua. Un fondamento per lo sviluppo sostenibile della macroregione Alpi continua ad essere la Convenzione delle Alpi. Essa cerca infatti di promuovere lo scambio tra le istituzioni della Convenzione delle Alpi e gli organi di Eusalp. Nella Conferenza delle Alpi dell’ottobre 2016 a Grassau/D, è stato conferito un nuovo mandato per un gruppo di lavoro appositamente istituito a tale scopo. Anche la CIPRA fa parte di esso. Un’ulteriore richiesta della CIPRA è che la popolazione e i portatori di interesse siano coinvolti tempestivamente.

 

Fonti e approfondimenti:

www.cipra.org/it/notizie/una-strategia-per-le-persone-nelle-alpi, www.cipra.org/it/notizie/fine-alle-speranze-di-prolungamento-per-l2019alemagna, www.bayern.de/bayern-uebernimmt-2017-den-vorsitz-bei-der-eu-alpenstrategie-Eusalp-europaministerin-dr-beate-merk-gemeinsam-die-eu-alpenstrategie-zu-einem-zukunftsmotor-fuer-den-alpenraum-machen/ (de) bayern.de/politik/politikthemen/europapolitik-2/eu-strategie-fuer-den-alpenraum-bayerischer-vorsitz-2017/was-ist-die-eu-strategie-fuer-den-alpenraum/ (de) ec.europa.eu/regional_policy/index.cfm/en/policy/cooperation/macro-regional-strategies/alpine/ (en)

 

Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter