Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Punto di vista della CIPRA: Per una transizione energetica compatibile con la natura e partecipativa

Erwin Rothgang è presidente della CIPRA Germania. © CIPRA Deutschland

La transizione energetica è una risposta alla minaccia del riscaldamento globale e ai rischi inaccettabili dell'energia atomica. Erwin Rothgang, presidente della CIPRA Germania, espone i requisiti minimi per le Alpi bavaresi.
Tutte le otto organizzazioni aderenti alla CIPRA Germania, che rappresentano circa un milione e mezzo di persone, si dichiarano a favore della transizione energetica, a condizione che venga attuata in modo compatibile con la natura. L'adesione entusiastica alla transizione energetica non deve tuttavia tradursi in un illimitato consumo di paesaggio e ambienti naturali per la produzione, lo stoccaggio e la distribuzione di energie rinnovabili.
In una presa di posizione la CIPRA Germania formula dettagliatamente i requisiti di compatibilità ambientale della transizione energetica in merito allo sfruttamento di acqua, vento, sole, biomasse e geotermia nelle Alpi tedesche. I corsi d'acqua non ancora sfruttati, ad esempio, devono restare privi di impianti idroelettrici, oppure gli impianti eolici possono essere installati solo al di fuori delle aree protette. E tutti gli impianti devono rispettare i severi requisiti per la protezione delle specie e la tutela del paesaggio.
La transizione energetica non riguarda solo le modalità di produzione energetica, ma incide profondamente sull'economia, sulle abitudini di consumo e sulla plasmatura e utilizzo del paesaggio. Essa può pertanto avere successo solo se viene sostenuta dalla collettività. I piani energetici locali e regionali, redatti con il coinvolgimento dei cittadini e mediante una pianificazione trasparente e aperta, ne sono i presupposti basilari. Strategie efficaci per la riduzione dei consumi energetici, per una produzione dell'energia più efficiente e per l'abolizione di incentivi dannosi per l'ambiente sono passi urgenti e necessari per far sì che il consumo di ambiente e paesaggio si mantenga in una misura ragionevole.
Fonti e ulteriori informazioni:
www.cipra.org/de/CIPRA/cipra-deutschland (de)
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter