Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Cooperare anziché farsi largo con i gomiti

La governance prende vita dalle persone impegnate per la conservazione e lo sviluppo armonico del proprio ambiente. © Christoph Püschner/Zeitenspiegel

Quando tutti vogliono dire la loro, è giunto il momento della governance. Nel numero appena uscito di "Alpinscena" la CIPRA mostra cosa c'è dietro al concetto e cosa si può ottenere con questo processo.
Oggi la gente non si fa più semplicemente governare. Si immischia, vuole dire la sua. Esponenti politici e amministrativi riconoscono che le procedure decisionali tradizionali non sono più efficaci per raggiungere determinati obiettivi. La parola magica "governance" significa processi di emancipazione della società civile e iniziative di ogni tipo. La governance è indispensabile nel momento attuale. Richiede un'alta competenza sociale alle autorità politiche e alle amministrazioni e soprattutto fiducia da parte di tutti i soggetti coinvolti.
L'attuale numero di Alpinscena "Sia fatta la nostra volontà - Come le decisioni si rinsaldano con la governance" mostra esempi di governance, discute nuovi approcci e propone di sostituire la pratica della prevaricazione con la cooperazione e l'apertura. Buoni esempi quali i parchi svizzeri o il "Futuro energetico del Vorarlberg" infondono coraggio, aiutano a rafforzare questa fiducia e a mostrare che la governance funziona bene.
Per la CIPRA, ONG operante in tutte le Alpi, che si impegna per la vita nelle Alpi e mette in comunicazione le persone, la governance non è altro che vita vissuta ogni giorno e impegno per l'ulteriore sviluppo nell'arco alpino e nel territorio circostante.
La rivista della CIPRA è disponibile gratuitamente su www.cipra.org/it/CIPRA/cipra-internazionale o richiedibile presso international@cipra.org
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter