Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Nuova legge forestale in Germania

Le aree aperte e semiaperte utilizzate in modo estensivo sono uno degli ambienti naturalisticamente più pregiati del territorio alpino.

Le aree aperte e semiaperte utilizzate in modo estensivo sono uno degli ambienti naturalisticamente più pregiati del territorio alpino. © CIPRA International

Al terzo tentativo, alla metà di giugno 2010, il Governo federale della Germania è infine riuscito a modificare la legge forestale, che era rimasta invariata dagli anni Settanta. Le modifiche hanno riguardato il concetto di "bosco": le aree alberate sottoposte a utilizzo agricolo, come ad esempio i pascoli e gli alpeggi o i pascoli arborati semiaperti, non saranno più considerati boschi.
Ciò consentirà agli agricoltori di chiedere incentivi agricoli per queste aree. Si potrebbero così conservare gli ambienti semiaperti, di grande pregio naturalistico e paesaggistico, contrastando il degrado causato dal progressivo imboschimento. Il declino del cosiddetto paesaggio culturale tradizionale, consistente in aree aperte e semiaperte utilizzate in modo estensivo, è un problema diffuso in tutto il territorio alpino, che può essere affrontato attraverso una gestione adeguata.
Non manca tuttavia un aspetto negativo: le associazioni ambientaliste criticano che la nuova legge forestale non abbia stabilito un quadro specifico per una gestione forestale sostenibile. In questo campo c'è ancora necessità di intervento.
Prima di entrare in vigore, la proposta di legge deve ancora essere approvata dal Consiglio federale il 9 luglio prossimo.
Fonti e ulteriori informazioni:
www.bauernverband.de/index.php?redid=338816 (de), www.nabu.de/themen/wald/waldpolitik (de)
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter