Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Per un'economia più verde

La Relazione sullo stato delle Alpi “Green economy nella regione alpina” fornisce raccomandazioni su come impostare un’economia in armonia con la natura e la società. © Samuel Trümpy Photography_flickr

La 6a Relazione sullo stato delle Alpi è intitolata “Green economy nella regione alpina”. In una conferenza estesa all’intero spazio alpino sono state raccolte le prime idee per attuare le raccomandazioni.

Come si può praticare un’economia più “verde” nello spazio alpino, in modo da migliorare ulteriormente la qualità della vita e la qualità della natura? È stata questa la domanda di partenza della conferenza tenutasi a Rosenheim/D l’11 maggio 2017 e organizzata dal Ministero tedesco per l’ambiente e dal Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi. Nel corso della conferenza è stata presentata la 6a Relazione sullo stato delle Alpi dedicata al tema della “green economy”. “Economia verde” significa un’economia in armonia con la natura e la società.

Natura ed economia mano nella mano?

Ma è possibile far convivere natura ed economia? Markus Reiterer, segretario generale della Convenzione delle Alpi, ci crede fermamente. Si tratta “di un’economia praticata con la nostra natura e il nostro ambiente, e non contro di loro”, afferma alla conferenza. Nel preambolo della Relazione sullo stato delle Alpi osserva inoltre: “ È sempre più evidente che il vecchio paradigma, che vedeva negli obiettivi dell’economia e in quelli delle politiche ambientali due fronti opposti e inconciliabili, oggi non è più valido. Anzi, c’è una terza via possibile”. La green economy può produrre un miglioramento in risposta a tante sfide dell’attuale sistema economico, sia per quanto riguarda la conservazione di ciò che ci tiene in vita, sia per quanto concerne il raggiungimento di una maggiore qualità della vita con un minore impatto sull’ambiente grazie a inventiva e innovazione.

Dalla carta di principi all’attuazione

La conferenza sulla “green economy” si è focalizzata innanzitutto su un approccio di tipo pratico. I partecipanti hanno potuto informarsi sui buoni esempi. Poi si è tenuto un dibattito su come la “green economy” può diventare uno standard nello spazio alpino e hanno iniziato a delinearsi le prime idee per l’attuazione. Andreas Pichler, direttore della CIPRA Internazionale, riassume così questo processo: “Abbiamo visto moltissime idee su come la cosa può funzionare”. Ora occorre concentrarsi su pochi importanti campi d’azione, rivolgere l’attenzione dove già esiste qualcosa di buono e fare in modo che questo qualcosa continui a crescere. “L’economia non può trasformarsi da sola, ma la direzione in cui la sua trasformazione deve procedere è ben delineata”.


www.alpconv.org/it/AlpineKnowledge/RSA/greeneconomy/default.html

Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter