Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Insieme contro il traffico di transito

È necessario maggiore impegno politico per ridurre il traffico di transito attraverso le Alpi. © Caroline Begle

CIPRA Italia. L’Italia è in gran parte circondata dal Mar Mediterraneo, ma a nord il paese è racchiuso dall’ampio arco alpino. I beni arrivati via mare in Italia vengono distribuiti in tutta l’Europa e i prodotti europei vengono imbarcati nei porti italiani.

Complessivamente il 90 percento dei trasporti, incluso il trasporto delle persone, avviene su strada. Il traffico di transito attraverso le Alpi è quindi di fondamentale importanza per l’Italia.

Benché i collegamenti stradali abbiano raggiunto un buon livello di copertura, si continuano ad ideare nuovi progetti di strade alpine a percorrenza veloce. Nel 2016 la Commissione trasporti del Parlamento europeo ha sottoposto al voto dell’assemblea un rapporto che prevedeva tra l’altro il prolungamento dell’autostrada Alemagna come nuova rotta transalpina fra Monaco di Baviera e Venezia. Insieme ad CIPRA Internationale e altre rappresentanze della CIPRA, anche la CIPRA Italia è intervenuta presso la Commissione trasporti del Parlamento europeo contro il  potenziamento ulteriore dei collegamenti di transito alpini. All’appello è stato dato seguito: il Parlamento UE ha rigettato a grande maggioranza diversi passi del rapporto.

Con il supporto di esperti dei trasporti, la CIPRA Italia ha inoltre pubblicato una relazione sulla situazione del traffico di transito attraverso i valichi alpini. Ne risulta tra l’altro che lo stato italiano non ha ancora attuato numerose misure economiche, fiscali ed organizzative atte a favorire lo spostamento del traffico dalla strada alla rotaia. In questo campo anche altri paesi alpini hanno la necessità di aggiornarsi. Perché senza misure di affiancamento non sarà possibile raggiungere gli obiettivi previsti per la protezione del clima.

www.cipra.org/italia

Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter