Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Progetto GreenAlps per promuovere la varietà biologica

Le salamandre pezzate e altre specie animali e vegetali devono avere una maggiore protezione a livello europeo: a tale scopo GreenAlps propone condizioni quadro giuridiche unitarie. © Schrottie / flickr.com

In futuro le leggi dovranno puntare più concretamente alla connettività ecologica nelle Alpi. Quest'autunno alcune regioni, aree protette e ONG, tra cui la CIPRA, lanceranno un progetto comune che si pone tale obiettivo. Che cosa si prefigge GreenAlps.
Le piante e gli animali devono potersi spostare tra gli habitat e i confini nazionali. Per quali motivi una tale connettività ecologica sia utile per la conservazione della varietà biologica e per la qualità della vita degli abitanti delle Alpi, è stato chiarito da diversi studi e progetti internazionali. Comuni e regioni di tutto l'arco alpino hanno sperimentato in prima persona quello che possono fare le amministrazioni pubbliche. Affinché la connettività ecologica abbia successo, sono tuttavia indispensabili anche condizioni quadro comuni e risorse finanziarie.
A settembre la Rete delle aree protette alpine Alparc, diverse aree protette, istituti di ricerca e ONG, tra le quali la CIPRA, lanceranno il progetto GreenAlps. I promotori si prefiggono di sviluppare le basi per una politica ambientale europea per la tutela della biodiversità nelle Alpi sulla base delle attuali conoscenze: sono previsti seminari con decisori di livello nazionale e internazionale, mentre le regioni pilota esprimeranno la loro esigenza di un quadro giuridico a livello locale, nazionale ed europeo. La Rete di comuni "Alleanza nelle Alpi" e l'associazione "Città alpina dell'anno", in qualità di osservatori, daranno il loro contributo portando le esperienze e le esigenze che si delineano sul piano comunale.
GreenAlps prosegue fino a novembre 2014 e viene cofinanziato dal Programma UE Spazio alpino. La CIPRA Internazionale è responsabile della comunicazione e segue la regione Valle del Reno alpino.
Fonte e ulteriori informazioni: www.alpine-space.eu/projects/projects/detail (en), www.recharge-green.eu, www.econnectproject.eu
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter