Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Informazioni supplementari

Notizie

Villaggi alpini come centri di innovazione

I comuni rurali dello spazio alpino hanno bisogno dell’innovazione sociale.

Diverse città in tutta Europa si definiscono “smart cities”. Questo approccio viene adottato anche nei comuni rurali: per gli “smart villages” la digitalizzazione rappresenta una grande opportunità.

I comuni rurali dello spazio alpino hanno bisogno di posti di lavoro, di una buona offerta di servizi e di un clima favorevole all’imprenditorialità e all’innovazione sociale per far sì che le persone non emigrino. La digitalizzazione è un approccio promettente per affrontare la situazione.

Sul tema degli “smart villages” tecnici e rappresentanti politici hanno avuto uno scambio di opinioni in occasione di una conferenza che si è svolta a Courmayeur/IT alla fine di maggio. Alla manifestazione, organizzata dalla Presidenza italiana di EUSALP 2019, sono state presentate diverse iniziative ed esempi in linea con l’approccio dei villaggi intelligenti. Ad esempio è stato presentato il progetto Interreg “SmartVillages”, che promuove migliori condizioni quadro per l’innovazione nelle città e nei comuni dello spazio alpino. Le 13 regioni pilota comprendono i comuni svizzeri di Ernen e Saas Fee, che stanno lavorando intensamente per allestire spazi di coworking, alla digitalizzazione nelle scuole e a una piattaforma di condivisione per la mobilità e il volontariato. La “smart mobility” è un tema centrale in Val di Sole in Italia e nel Pitzal in Austria. Mentre il comune tedesco di Löffingen si concentra sulla “Smart Governance” all’interno del progetto.

Dal 2018 esiste anche un’iniziativa a livello europeo. Lo “Smart Village Network” collega i villaggi e le associazioni di tutta Europa; dalla Slovenia, ad esempio, sono rappresentati il comune di Ptuj e il Gruppo di azione locale Prlekija. Quest’ultimo partecipa anche al nuovo “Smart Village Project for Tomorrow”, che presta particolare attenzione all’integrazione degli anziani, dal momento che le zone rurali devono far fronte al rapido invecchiamento della popolazione.

“I villaggi intelligenti sono un richiamo alla responsabilità, quasi una rivoluzione, in cui le questioni ambientali non sono più viste come un vincolo, ma come la chiave per lo sviluppo futuro”, ha spiegato Luigi Bertschy, assessore regionale agli Affari europei, Politiche del lavoro e Inclusione sociale della Valle d’Aosta al convegno di Courmayeur. Con questo approccio i villaggi alpini diventano centri di innovazione per un nuovo sviluppo delle Alpi.

Fonti ed ulteriori informazioni:

www.alpine-space.eu/projects/smartvillages (en), www.alpine-region.eu/news/smart-villages-conference-press-release-event (en), https://alpenallianz.org/it/attualita/i-comuni-dell2019alleanza-dell2019alto-vallese-diventano-smart-villages201d?