Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Una decisione che pesa sul futuro per il Parco nazionale della Vanoise

Parco Nazionale della Vanoise: entro l’autunno prossimo 29 comuni devono decidere che posizione assumere nei confronti del primo Parco nazionale francese. © Parco Nazionale della Vanoise – Damien Hemeray

Dopo un lungo processo partecipativo il Parco nazionale della Vanoise in Savoia si è dotato una nuova Carta. Ora i comuni devono votare il documento. È grande lo scetticismo, dal momento che la prima versione del documento è stata respinta. Sono a rischio il prestigio e l’immagine di questa regione caratterizzata da un prezioso ambiente d’alta montagna?

Con una legge del 2006 il Governo francese aveva decretato una maggiore governance per tutte le aree protette. Negli anni scorsi i 29 comuni del Parco nazionale della Vanoise, il più antico della Francia, avevano perciò elaborato una Charta in collaborazione con rappresentanti delle autorità competenti, della politica, delle associazioni ambientaliste e del Parco. Nel 2012 il Consiglio del Parco – composto in maggioranza da rappresentanti dei comuni – aveva approvato il documento. Successivamente i comuni hanno tuttavia respinto la Carta. Ora i consigli comunali devono valutare una versione rielaborata della Carta e votarla entro l’autunno 2015.

Il Parco nazionale della Vanoise esiste da più di 50 anni e fin dall’inizio prevedeva regole per il nucleo centrale. La cooperazione tra il Parco e i comuni nelle altre parti dell’area protetta non è invece chiaramente definita. La Carta si propone ora di regolamentare una cooperazione a lungo termine tra il Parco e i comuni. Si tratta di uno strumento per uno sviluppo dolce del territorio, oltre a garantire un sostegno tecnico e finanziario ai comuni. I comuni temono di compromettere le loro opportunità di sviluppo economico, poiché nella regione sono presenti anche alcuni dei principali comprensori sciistici delle Alpi francesi.

Se i 29 comuni esprimeranno un “no” alla Carta, il nucleo centrale del Parco nazionale resterà comunque in vita. Tuttavia è evidente che il marchio del Parco nazionale e l’immagine della regione subirebbero un forte danno. In Francia altri otto Parchi nazionali hanno già approvato una Carta analoga. La percentuale a favore nei comuni coinvolti si attesta mediamente attorno all’80%

Fonte e ulteriori informazioni:

http://charte.vanoise-parcnational.fr/fr/processus-et-calendrier.html (fr), http://www.mountainwilderness.fr/IMG/pdf/2015_04_29_dossier_de_presse_-_decret_de_la_charte_pnvanoise.pdf (fr)