Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Oh...

© Derek Bakken_flickr

Chi ha paura del lupo? I Cantoni svizzeri di San Gallo e dei Grigioni, per citare un esempio. Da alcuni anni gli abitanti degli insediamenti attorno al massiccio del Calanda vivono quasi “fianco a fianco” con il primo branco di lupi delle Alpi svizzere. Nel timore che il branco potesse presto aggirarsi tra le case con cattive intenzioni, nell’inverno 2016 le autorità rilasciarono senza indugio l’autorizzazione per l’abbattimento. Tuttavia, forse per via dell’inverno mite, nessun esemplare del branco si avvicinò alle case, quindi non si verificarono le condizioni per dare luogo all’abbattimento. La condanna a morte venne impugnata. Dopo un anno la macchina della burocrazia ha infine sfornato il suo verdetto: l’autorizzazione per l’abbattimento non era giustificata, era stata accordata prematuramente e impropriamente, dal momento che i giovani lupi del Calanda non rappresentano una seria minaccia per le persone. In effetti, ultimamente i lupi trovano prede più a portata di mano; ad esempio grazie alle porte lasciate aperte nelle stalle!

Fonti e approfondimenti

www.nzz.ch/panorama/urteil-des-verwaltungsgerichts-calanda-woelfe-waren-nicht-gefaehrlich-ld.144314 (de),  www.vaterland.li/region/ostschweiz/Woelfe-ueberfordern-die-Buendner-Regierung;art193,255443 (de) , www.suedostschweiz.ch/panorama/2017-02-21/wolf-in-trun-in-stall-eingestiegen (de)

archiviato sotto: , ,