Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Falò per l’acqua nelle Alpi

10/08/2021
Dalle Caravanche in Slovenia al Gasterntal in Svizzera: il 14 agosto, i “Falò nelle Alpi” hanno illuminato ancora una volta l’arco alpino in segno di solidarietà. Quest’anno, i falò hanno richiamato l’attenzione sulla limitata disponibilità di acqua in tempi di crisi climatica.
Image caption:
Il bilancio idrico nel cambiamento climatico è il tema di “Falò nelle Alpi” 2021. (c) CIPRA International, Caroline Begle

Studi condotti in Svizzera evidenziano che prossimamente anche in montagna l’acqua potabile potrebbe scarseggiare. Al momento, tuttavia, non si pone tanto la questione di carenza di acqua potabile, quanto piuttosto di espansione dello sfruttamento idroelettrico, spiega Hans Weber della CIPRA Svizzera: “I nuovi margini proglaciali suscitano la cupidigia del settore elettrico”. Il 14 agosto 2021 Mountain Wilderness Svizzera e CIPRA Svizzera hanno invitato quindi a scoprire questo ambiente particolare creatosi in seguito al ritiro del ghiacciaio Kander nel Gasterntal. È stata un’occasione per conoscere e discutere il valore di questi ambienti non sfruttati – e per valutare come garantire la loro conservazione per le generazioni future. Alla sera il gruppo ha acceso il tradizionale falò per la conservazione delle Alpi come spazio vitale, naturale e culturale unico. Anche l’Iniziativa delle Alpi partecipa da molti anni a “Falò nelle Alpi” con temi propri. L’associazione svizzera si impegna per il trasferimento del traffico merci dalla strada alla ferrovia. Un suo falò è stato acceso anche sul Niederbauen con vista sul lago dei Quattro Cantoni.

Altri falò nelle Alpi sono stati accesi in Austria e Slovenia. La CIPRA Slovenia, per esempio, ha acceso un falò nel gruppo montuoso delle Caravanche sull’altopiano di Zabrešk, che è stato preceduto da un momento di discussione sulla sostenibilità nel turismo di montagna. Anche in altre località sono stati previsti incontri di gruppi locali dedicati all’evento del 14 agosto; un elenco di tutti i falò può essere consultato sul sito web feuerindenalpen.com. Sul sito è stato possibile anche registrare l’allestimento di altri falò. Durante i falò è essenziale osservare alcune precauzioni, come spiega Stefan Grass, che coordina “Falò nelle Alpi” da quasi due decenni: “Bruciare solo legna non trattata, prestare attenzione ai divieti locali di accendere fuochi in periodi di siccità, predisporre la catasta di legna per il falò sul momento, per evitare di danneggiare piccoli animali che potrebbero trovare rifugio sotto la catasta”.

 

Fonti e ulteriori infomazioni: https://feuerindenalpen.com (de, en), www.cipra.org/de/cipra/schweiz/aktivitaeten-projekte/feuer-in-den-alpen-2021-neue-wildnis-am-ende-der-gletscher (de) https://piaty.blog/2021/08/09/feuer-in-den-alpen/ (de)

archiviato sotto: Acqua