Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Austria: avanti a tutta con le centrali idroelettriche

19/06/2013
L'Austria ha rielaborato la normativa in materia di acqua: il settore idroelettrico ne esce rafforzato, la società civile resta fuori. La nuova legge facilità così la costruzione di impianti idroelettrici?
Image caption:
Una batosta per la protezione della natura: la revisione della legge che regolamenta il settore idrico in Austria agevola la costruzione di impianti idroelettrici. © Adesigna / flickr.com
All'inizio di giugno l'Austria ha modificato la legge che regolamenta il settore idrico spalancando le porte ai produttori di energia. Ora infatti anche i soggetti che perseguono obiettivi di sfruttamento delle risorse idriche possono presentare un programma quadro al Ministero dell'ambiente, con una certa possibilità di successo. I piani di gestione delle risorse idriche stabiliscono lo sfruttamento di un tratto fluviale. Finora potevano essere approvate solo le domande che si prefiggevano di tutelare o migliorare realmente i corsi d'acqua. "Ciò favorirà notevolmente i produttori di energia a ottenere l'autorizzazione dei loro progetti di centrali. La posizione della protezione della natura risulta indebolita", mette in guardia Barbara Goby dell'Umweltdachverband.
La revisione della legge è criticata anche perché non concede alle organizzazioni non governative di partecipare ai procedimenti relativi al piccolo idroelettrico, e con ciò la possibilità di presentare opposizione ai progetti. Possono avere voce in capitolo solo per progetti con una potenza superiore a 10 megawatt. In tal modo l'Austria contravviene alla Convenzione internazionale di Aarhus. "L'autorizzazione di piccoli impianti idroelettrici risulta così molto semplificata. E questo rappresenta un grave problema per l'ecologia dei fiumi", afferma Goby. Tutto ciò a fronte dello scarso contributo della produzione energetica delle piccole centrali idroelettriche: in tutto l'arco alpino il 75% degli impianti fornisce appena il 4% dell'energia prodotta.
Fonte e ulteriori informazioni: www.oekobuero.at/images/doku/newsflash (de), www.parlament.gv.at/PAKT/VHG/XXIV/ME/ME (de), www.umweltdachverband.at/fileadmin/user (de)