Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Allarme siccità per il Po

Il principale fiume italiano, che raccoglie gran parte delle acque del versante Sud delle Alpi, è a rischio siccità. Negli ultimi anni la portata media del fiume è diminuita sensibilmente. Gli inverni sono sempre più poveri di neve, i ghiacciai si ritirano e con essi diminuiscono le riserve d'acqua in quota.
Oltre a ciò, bisogna tenere conto dei prelievi idrici per le centrali idroelettriche, per l'uso irriguo e industriale. E l'acqua salata del mare si spinge sempre più all'interno. Secondo gli esperti in pochi decenni il fiume Po, inteso come acqua dolce, è destinato ad accorciarsi di un centinaio di chilometri. Paradossalmente, il Po potrebbe già oggi essere all'asciutto: infatti, a fronte di una portata media alla foce di 1.500 metri cubi (ma nei periodi di secca si scende anche a 180) il prelievo consentito è di 1.800.
Info: www.conferenzacambiamenticlimatici2007.it