Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Una nuova politica per le località turistiche dell'Isère (F)

Una gran parte dei 26 centri sciistici della regione dell'Isère dimostra una particolare sensibilità agli effetti del cambiamento climatico.
Di fronte a questo dato di fatto, così come agli impianti di risalita obsoleti e alle aspettative elevate dei turisti, nel 2003 il Dipartimento dell'Isère ha varato una nuova politica di sostegno finanziario per la diversificazione dell'offerta turistica nelle località turistiche di media montagna. Il Consiglio generale (Conseil général) del Dipartimento e le località sciistiche hanno stipulato così "Contratti per uno sviluppo diversificato" con un elenco di obiettivi, un piano d'azione e uno strumento di valutazione.
Finora sono stati attuati sette dei sedici contratti previsti. Essi comprendono quasi tutte le località turistiche dell'Isère. Nei primi contratti il 55% del budget è destinato alla diversificazione delle attività. Questo riguarda innanzitutto il miglioramento della qualità delle offerte esistenti, lo sviluppo di offerte rivolte alle famiglie e lo smantellamento di impianti sciistici obsoleti.
Il processo di diversificazione sta muovendo appena i primi passi, tuttavia ha già prodotto una sensibilizzazione e una riflessione sulla necessità della diversificazione delle attività nei centri turistici di media montagna.
L'iniziativa del Consiglio generale solleva anche interrogativi: in particolare per quanto riguarda la lentezza della procedura, la scarsità dei mezzi finanziari, la percentuale non trascurabile di finanziamenti ancora previsti per gli impianti sciistici, così come la problematica del management nelle aree sciistiche e al bisogno non trascurabile di monitoraggio e pianificazione a lui connessi.
Con le loro luci ed ombre, i "Contratti per uno sviluppo diversificato" sono comunque uno strumento per uno sviluppo turistico più sostenibile nelle regioni di montagna.