Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  
Navigazione

Centro per l’ambiente e la cultura

Il Centro per l’ambiente e la cultura è un’istituzione formativa fondata dai Salesiani di Don Bosco, che si caratterizza per l’offerta di proposte innovative per la conservazione delle basi naturali della vita e del patrimonio culturale. Gli obiettivi si concentrano nell’impegno di promuovere lo sviluppo di una responsabilità per il futuro, in particolare tra i bambini e i giovani. La nostra attività formativa si svolge nel territorio del convento, che con i suoi 200 ettari costituisce il più vasto progetto di estensivizzazione delle colture della Baviera. Le attività formative, la gestione dell’ecosistema, la ricerca, il turismo e l’agricoltura si fondono qui in una sintesi e uniti contribuiscono a rafforzare la regione.

Trovate qui la descrizione dettagliata del progetto...

Luogo dell’intervento: Formazione, Protezione della natura, Agricoltura, Turismo
Ambito: Benediktbeuern, circondario di Bad Tölz (DE)
Durata: In corso dal 22.11.1988
Contatto: Elisabeth Wölfl, Zentrum für Umwelt und Kultur (E-Mail)

Zentrum für Umwelt und Kultur

Obiettivi

Il compito formativo del Centro per l’ambiente e la cultura si collega a un’etica della creazione, che si orienta a un comportamento rivolto al futuro e attento ai valori ambientali e culturali. L’essere umano vive all’interno di reti sociali, culturali ed ecologiche complesse e in continuo mutamento. L’attività formativa consiste perciò nel riconoscere il tutto e le sue dinamiche, per riuscire grazie a questa consapevolezza ad agire responsabilmente nel senso di uno sviluppo sostenibile. In questo discorso rientrano in particolare l’utilizzo sostenibile e rispettoso delle basi della vita, il rapporto responsabile con l’energia, il rispetto per la natura e la conservazione del patrimonio culturale. Questo compito educativo viene attuato concretamente nel territorio del Convento di Benediktbeuern e nelle torbiere Loisach-Kochelsee fin dal 1992.
Esso comprende i seguenti aspetti:
• conservazione e sviluppo di un’agricoltura adatta all’ambiente naturale e alle potenzialità naturali del paesaggio, incluse le strategie di marketing regionali;
• conservazione dello straordinario ambiente di torbiera e del paesaggio culturale;
• riduzione dell’impatto sul clima attraverso forme di sfruttamento delle torbiere coerenti con il sito;
• creazione di un ecoturismo compatibile con l’ambiente;
• ricerca e trasferimento del sapere.

Attività

Nell’ambito di un progetto modello di rinaturalizzazione delle torbiere unico per la Baviera, da poco meno di 20 anni nel territorio del convento è in corso un utilizzo dei terreni rispettoso dell’ambiente e coerente con il sito. Grazie all’intensa cooperazione con l’agricoltura, vengono praticate forme di produzione adeguate al paesaggio, che garantiscono la conservazione di una delle più pregiate torbiere della Baviera. Tali interventi comprendono lo sfruttamento estensivo dei prati e dei pascoli, la conversione del bosco, miglioramenti della funzione idrogeologica, la rinaturalizzazione di torbiere alte e misure di tutela delle specie e dei biotopi. Esempi del nostro lavoro: programma di manutenzione del paesaggio (fino al 2012), un progetto di cooperazione con gli agricoltori, che attraverso l’iniziativa garantiscono lo sfalcio dei prati da lettiera nelle torbiere dell’area Loisach-Kochelsee, contribuendo così alla conservazione della bellezza e del valore ricreativo del paesaggio di torbiera;
Tölzer Moorachse (dal 2003), un progetto di cooperazione per la protezione delle torbiere nella circoscrizione di Bad Tölz, area in cui sono presenti 120 km² di torbiere di importanza regionale e nazionale. Con il territorio del convento e i progetti di rinaturalizzazione delle torbiere, si dispone così di una piattaforma ideale per l’attività formativa.

Risultati (riduzione di CO2)

Il Centro per l’ambiente e la cultura è diventato un polo culturale e di formazione ambientale riconosciuto a livello sovraregionale. Ogni anno circa 95.000 persone frequentano le iniziative formative del Centro, producendo così diversi effetti positivi per la regione. Attraverso l’innovativa offerta di formazione orientata ai temi di natura e ambiente, energia, cultura e spiritualità – comprese le manifestazioni collegate – il Centro fornisce un contributo esenziale alla sensibilizzazione della regione sui temi ambientali. Numerosi spunti per attività formative innovative vengono trasmessi ad altri enti attivi nel campo della formazione (progetto per la scuola “Kloster Schlehdorf”; progetto “Sentiero a piedi scalzi” della scuola media di Benediktbeuern). Grazie ai progetti modello avviati dal Centro per l’ambiente e la cultura, ha potuto essere ripresa la pratica dello sfalcio su 150 ettari di prati da lettiera nelle torbiere della regione Loisach-Kochelsee, inoltre 380 ettari di torbiera alta sono stati rinaturalizzati e 150 ettari di colture foraggere sono stati estensivizzati, mentre 50 ettari di bosco di abete rosso sono stati convertiti a bosco umido di betulle, cenosi forestale tipica dell’ambiente di torbiera. Mediante sistemi di orientamento dei visitatori e informazioni presentate in modo accattivante, è stata creata un’area ricreativa, molto apprezzata sia dai residenti che dai visitatori.

Titolare dell’intervento

Il Centro per l’ambiente e la cultura (Zentrum für Umwelt und Kultur e.V.) è il promotore degli interventi. Il Centro è un’associazione fondata nel 1988 dai Salesiani di Don Bosco. Tra i membri ci sono enti locali, come il distretto dell’Alta Baviera, il circondario di Bad Tölz- Wolfratshausen, il comune di Benediktbeuern, la Provincia dei Salesiani di Don Bosco, la Società di biologia della fauna selvatica, il Monastero di Schlehdorf.