Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Sounding Board

Restare innovativi e pensare il nuovo

La CIPRA lavora con un’impostazione proiettata verso il futuro. Al centro dei nostri sforzi poniamo una vita nelle Alpi che sia attrattiva e conveniente anche per le generazioni future. Un obiettivo che noi possiamo conseguire solo lavorando con competenza, in modo mirato e guidati da una visione. Il Sounding Board sostiene la CIPRA International in un processo a lungo termine volto a rafforzare il suo ruolo di precorritrice di uno sviluppo sostenibile nello spazio alpino, perfezionare il suo posizionamento e consolidare la messa in rete.

Come?

La CIPRA International collabora regolarmente con personalità di diversi settori e discipline. Questa collaborazione si intensifica all’interno del Sounding Board. Rappresentanti della CIPRA International e persone esterne si incontrano una volta all’anno per valutare strategie, attività e temi della CIPRA. Nell’ambito del Sounding Board ci apriamo in modo mirato a saperi e opinioni provenienti dall’esterno per individuare i punti deboli e di forza, così come possibili sinergie, per poi intervenire con adeguate attività.

Chi?

Il Sounding Board è composto da otto a 15 membri di diversi settori e discipline. I partecipanti sono invitati dal Consiglio direttivo della CIPRA International, previa consultazione con le rappresentanze CIPRA nazionali. La nomina a membro ha una durata biennale. I membri del Sounding Board sono indipendenti e non assumono alcuna funzione all’interno della CIPRA. La loro partecipazione al Sounding Board è a titolo onorario e di  natura meramente consultiva.

 

Membri del Sounding Board della CIPRA

Jens Badura è filosofo manager culturale, gestisce il centro culturale berg_kulturbüro di Ramsau/Berchtesgaden (www.bergkulturbuero.org) e dirige il creativealps_lab alla Scuola superiore delle arti di Zurigo (ZHdK). Ha avviato e sviluppa progetti che coniugano valore aggiunto culturale e sviluppo sostenibile nello spazio alpino.

Gianluca Cepollaro  è direttore della Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio - STEP di Trento/I. I suoi principali interessi di ricerca sono l’educazione al paesaggio, all’ambiente e al territorio, la gestione delle istituzioni educative, i processi di sviluppo del lavoro e delle organizzazioni.

Bernard Debarbieux è professore di geografia politica e culturale e di pianificazione territoriale urbana e regionale. Il suo impegno investe il sapere geografico, la pianificazione territoriale e la politica ambientale. Le sue ricerche si concentrano sule regioni di montagna, esaminate nella loro dimensione regionale, nazionale e globale.

Bianca Elzenbaumer è ricercatrice di design e co-fondatrice dell’associazione culturale Brave New Alps Rovereto/IT. È anche borsista individuale Marie Sklodowska-Curie presso l’Eurac Research (Bolzano/It), dove dirige l’Alpine Community Economies Lab. Nel suo lavoro combina metodi partecipativi con approcci femministi allo studio dell’economia e dei beni comuni. L’obiettivo del suo lavoro è quello di aiutare le persone a occuparsi attivamente delle questioni di una sostenibilità equa ed equilibrata.

Andreas Muhar dell’Institut für Landschaftsentwicklung, Erholungs- und Naturschutzplanung dell’Università di agraria di Vienna/A concentra le proprie ricerche sulle sfide e le prospettive di uno sviluppo paesaggistico sostenibile. Si occupa inoltre di come impostare processi di sostenibilità.

Irmi Seidl è responsabile dell’Unità di ricerca Scienze economiche e sociali presso l’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio/CH (WSL) e insegna economia ecologica. Oltre a tematiche nell’ambito della ricerca ambientale interdisciplinare, Irmi Seidl sviluppa visioni e idee creative per una società che non sia legata alla crescita economica.

Matevž Straus ha studiato ricerca urbana, comunicazione di mercato e sociologia. Oggi lavora al crocevia tra patrimonio culturale, digitalizzazione e turismo all'interno della società di informatica slovena Arctur.

Martin Strele è direttore di kairos (www.kairos.or.at), un’agenzia di pubblica utilità che si occupa di analisi dell’impatto con sede a Bregenz/A. La sua mission consiste nello sviluppare prototipi in grado di far progredire il mondo in senso ecologico e sociale. In questa prospettiva collabora con svariati partner del settore pubblico e privato.