Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Via Alpina

La Via Alpina è un percorso escursionistico transfrontaliero che attraversa tutti e otto i paesi alpini da Trieste/I a Monaco. Gli itinerari di lunga percorrenza, cinque in totale (Rosso, Blu, Giallo, Viola, Verde), sono luoghi di incontro, percorsi che permettono di scoprire di spazi di vita e aree naturali delle Alpi. Allo stesso tempo sono anche collegamenti fisici tra tutti gli otto Stati alpini.

La Via Alpina è stata istituita nel 2000 da un insieme di associazioni alpine ed enti locali coordinati dall’associazione francese «Grande Traversée des Alpes» (GTA). Dal 2014 la CIPRA Internazionale ne ha assunto il coordinamento e continua a curare il percorso, arricchendolo con spunti tematici legati al tema dello sviluppo sostenibile.

La Via Alpina…

  • attraversa I’Italia, la Slovenia, l’Austria, la Germania, il Liechtenstein, la Svizzera, la Francia, il Principato di Monaco;
  • è composta da 342 tappe giornaliere nei cinque itinerari complessivi;
  • ha una lunghezza complessiva di 5‘000 chilometri;
  • il tracciato, tutto su percorsi esistenti, è stato dotato di segnalazione e pannelli informativi;
  • porta dalle coste del Mediterraneo (Golfo di Trieste, Costa Azzurra) fino ai 3‘000 metri di quota (nelle Alpi Venoste);
  • nel suo percorso attraversa circa 200 comuni;
  • ha adotatto il motto “Scopri le Alpi!”;
  • invita all’avventura escursionistica per un giorno, una settimana o diversi mesi;
  • mette in evidenza la multiformità delle Alpi;
  • crea un valore aggiunto economico, ecologico e sociale per le regioni attraversate.

Una dettagliata guida escursionistica online in cinque lingue informa sul tracciato dei percorsi, le possibilità di alloggio, la natura e la cultura. Inoltre, contiene importanti consigli e i suggerimenti più importanti e i resoconti dei precedenti “Via Alpinisti”.

 Al di là della valenza turistica, la Via Alpina è anche un simbolo tangibile della comune identità alpina e una piattaforma per lo svolgimento di iniziative transfrontaliere per lo sviluppo sostenibile delle Alpi. La Via Alpina ha dato vita a numerosi progetti pilota, come ad esempio una “Guida Qualità” internazionale per gli itinerari escursionistici di lunga percorrenza, una valutazione scientifica e un manuale sull’escursionismo come strumento per la formazione ambientale dei giovani. Inoltre la Via Alpina è un progetto ufficiale di attuazione dei principi contenuti nella Convenzione delle Alpi. Nel 2017 sono stati sviluppati nuovi orientamenti strategici per la Via Alpina, che ora devono essere attuati insieme a tutti i partner.

Quasi nessun'altra regione montana al mondo è così ricca di contrasti come le Alpi. Noi consideriamo la Via Alpina un filo rosso che collega le diverse iniziative sull’escursionismo e un perfetto palcoscenico per gli sviluppi positivi e negativi nelle Alpi. Quando si cammina la percezione dello spazio produce un effetto più forte e duraturo rispetto agli spostamenti con mezzi più veloci. Gli escursionisti a nord della Via Alpina noteranno i ghiacciai ancora impressionanti, ma in contrazione e l'infrastruttura sciistica in continua crescita, mentre sulle tappe della parte meridionale della Via Alpina attraversano spesso valli deserte. Un'escursione lungo la Via Alpina rende tangibili i problemi alpini: cambiamento climatico, turismo di massa, esodo rurale, rivoluzione energetica, degrado del territorio, disuguaglianza sociale. Tuttavia una bellezza incredibile, una varietà di natura, cultura e lingue sono ancora presenti nelle Alpi. Questo è il vero e più importante motivo per intraprendere un'escursione lungo la Via Alpina.

www.via-alpina.org

www.instagram.com/viaalpina

www.facebook.com/viaalpina

archiviato sotto: ,