Rappresentanze della CIPRA

Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Risultati 

176 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento









Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Antropologia delle piccole comunità. Movimenti demografici. Condizione femminile. Prospettive di sviluppo.
Si trova in Pubblicazioni
Raumordnung im Alpenraum (Assetto del territorio nello spazio alpino)
Si trova in Pubblicazioni
Schwarzbuch Gewerbegebiete Bayern
Si trova in Pubblicazioni
BIOArchitettura
Si trova in Pubblicazioni
Mito e Storia della Carnia
Si trova in Pubblicazioni
L'autonomia e l'amministrazione locale nell'area alpina - ricerca coordinata dalla Regione Autonoma Trentino Alto Adige
Si trova in Pubblicazioni
Terreni edificabili tornano ad essere superficie libera
Il Comune di Zwischenwasser è un insediamento sparso, composto dalle 3 località di Muntlix, Batschuns e Dafins. Il piano di destinazione delle superfici del 1978 aveva previsto una superficie edificabile troppo vasta, che avrebbe alimentato, in presenza di una corrispondente attività edilizia, la „tradizionale“ dispersione, così diffusa nel Vorarlberg. Impossibile sarebbe stato per il comune, mettere a disposizione le infrastrutture necessarie, mentre sarebbe andata persa parte preziosa del paesaggio rurale al di fuori dei centri urbani. Nel 1991 8 ha di superficie edificabile, di cui 1 ha dichiarato biotopo umido degno di tutela nell‘inventario dei biotopi del Vorarlberg, furono ridestinati a superficie libera.
Si trova in Good Practice
Produzione Locale di Biomassa legnosa da Energia: Prime azioni per la creazione di una filiera locale della legna da ardere
L'Italia è il primo importatore mondiale di legna da ardere (rapporto ISPRA 97/2009), rifornendosi per lo più da Paesi Est-europei. Contestualmente, l'abbandono dei boschi cedui causa effetti negativi (ambientali, paesaggistici, socio-economici). A Budoia il mercato offre quasi solo legna non locale per uso privato, importata e c'è un diffuso abbandono dei boschi cedui privati. Bisogna riprendere la selvicoltura creando una filiera locale della biomassa legnosa da energia. Il progetto è incentrato sulla creazione di una filiera locale della legna da ardere, puntando a far incontrare la domanda e l'offerta di combustibili legnosi, legna da ardere in primis. Lo scopo è quello di riprendere la gestione dei boschi cedui privati che attualmente sono scarsamente utilizzati, cercando così di smuovere l'assetto del mercato locale della legna da ardere fortemente fondato sul commercio di prodotto non locale. Tra le principali azioni svolte vi è la formazione di un gruppo di operatori forestali, l'apertura di uno sportello "Energia dal bosco" ed il coinvolgimento della scuola primaria. È stata individuata un'area di intervento in accordo con i proprietari privati, ed in collaborazione con i tecnici dell'Ispettorato Agricoltura e Foreste si è provveduto ad identificare una metodologia di gestione.
Si trova in Good Practice
Casa dei parchi e della montagna
Il 26 settembre 2006 a Chambéry è stata inaugurata la Casa dei parchi e della montagna (Maison des Parcs et de la Montagne). Essa ospita un'esposizione multimediale permanente su una superficie di 400 m², la quale dopo una panoramica sulle aree protette della Regione Rhône-Alpes, della Francia e del mondo, presenta quattro territori eccezionali situati nelle vicinanze di Chambéry: i due Parchi naturali regionali del Massiccio delle Bauges e del Massiccio della Chartreuse, il Parco nazionale della Vanoise e l'area protetta del Lago del Bourget. La Casa accoglie anche quindici uffici di promozione turistica, istituzioni e associazioni di montagna (delle guide alpine, dei medici, degli eletti, degli accompagnatori, Alparc ecc.), che insieme rappresentano un prezioso polo di iniziativa e di riflessione sul futuro della montagna.
Si trova in Good Practice
Mostra "Le Alpi 2020 - le nuove trasversali"
Per la prima volta i quattro tunnel di base - Gottardo, Lötschberg, Brennero e Lione-Torino - sono stati presentati insieme. Questi "cantieri del XXI secolo" consentiranno di rivoluzionare il trasporto transalpino ed europeo entro il 2025 nonché un forte potenziamento del trasporto merci combinato rotaia/gomma e del trasporto passeggeri ad alta velocità. La mostra (2.000 m²) ha presentato anche le reti transeuropee di trasporto (ferrovia, acqua, aria, strada) e la politica sostenibile dei trasporti dell'Unione Europea. Nell'ambito della mostra si è svolto inoltre un convegno europeo - www.alpes2020.org.
Si trova in Good Practice