Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Posizioni

Lettera aperta per la Conservazione dell'orso bruno alpino nella regione alpina

Lettera aperta ai Ministri dell'Ambiente degli Stati alpini e al Presidente della Provincia Autonoma di Trento

Signore Ministre, Signori Ministri, Signor Presidente,

Le Alpi rappresentano un giacimento di biodiversità d’importanza strategica per il continente europeo. Negli ultimi decenni, grazie anche agli sforzi di diversi governi e ONG, le Alpi si stanno ripopolando di grandi predatori, molti dei quali precedentemente scomparsi da vasti territori. Si tratta sicuramente di un fenomeno positivo, per l'importanza ecologica che i grandi predatori rivestono nel controllo delle popolazioni di erbivori selvatici, ma anche di una sfida problematica per la convivenza tra queste specie e le attività umane. Una sfida da vincere solo con un’azione concertata tra tutti gli Stati alpini di contributi scientifici, attente attività di monitoraggio e informazione su comportamenti che possono esporre a rischio l'incolumità dei cittadini e le attività turistiche, zootecniche e agricole in ambiente alpino.

Purtroppo la cronaca estiva ci riporta a episodi più o meno gravi (finora mai con esiti drammatici) che determinano forti ondate di sentimento popolare. Questo sembra essere il caso dell'orsa 'Daniza', la quale in provincia di Trento ha attuato un comportamento difensivo della propria prole, ai danni di un escursionista che, spaventando la madre osservando i cuccioli, ne ha riportato ferite curabili, e per la quale l’Amministrazione Provinciale di Trento ha deliberato la cattura, che al momento non ci risulta ancora avvenuta.

Sulla base della descrizione dei fatti avvenuti, di autorevoli pareri di esperti e delle posizioni dalle maggiori associazioni italiane di protezione ambientale, non ci pare che il comportamento dell’orsa sia tale da farne un esemplare 'problematico' che giustificherebbe la cattura o la soppressione.

La CIPRA, nella sua veste di Osservatore Ufficiale della Convenzione Internazionale per la Protezione delle Alpi, non può fare a meno di richiamare i Ministri dell’Ambiente di tutti gli Stati alpini e gli enti territoriali interessati all’azione e al rispetto delle disposizioni contemplate dal Protocollo Protezione della Natura e Conservazione del Paesaggio, che della Convenzione è parte integrante. Tali disposizioni sono peraltro coerenti con specifici accordi internazionali per la tutela delle specie selvatiche.

Riteniamo che l'efficacia della deliberazione sulla cattura dell'esemplare 'Daniza' debba essere sospesa, in attesa di valutazioni oggettive che attestino la problematicità comportamentale dell’orso bruno.

Dominik Siegrist
Presidente di CIPRA Internazionale

Ulteriori informazioni: http://www.cipra.org/it/comunicato-stampa/comunicato-stampa-lettera-aperta-dalla-cipra-ai-ministri-dellambiente-degli-stati-alpini

archiviato sotto: