Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Informazioni supplementari

Notizie

Una gran voglia di fare, nell’anno di Tolmezzo Città alpina

Tolmezzo/I, attuale Città alpina dell’anno, intende dedicare particolare attenzione ai giovani. © Fabrice Gallina

Alla fine di aprile Tolmezzo è stata proclamata Città alpina dell’anno 2017. Contemporaneamente ha preso il via il progetto “Tour des Villes”. Il programma annuale della Città alpina è assai promettente – e già adesso Tolmezzo fa onore al nuovo titolo.

Tolmezzo ha molti progetti per l’anno come Città alpina appena iniziato. Il centro culturale, economico e politico della Carnia, nell’Italia nordorientale, si è posto l’obiettivo di rafforzare la partecipazione giovanile, promuovere uno sviluppo urbanistico sostenibile, incentivare il turismo dolce e valorizzare il prodotti dell’agricoltura locale. A quest’ultimo aspetto, ad esempio, è dedicato il festival “Filo dei Sapori delle Alpi”, che giunto quest’anno alla quarta edizione dà l’opportunità di presentare e soprattutto di gustare prodotti e ricette regionali. Alla manifestazione, che avrà luogo alla fine di ottobre, sono invitate a presentare le loro specialità anche altre città alpine. Il programma comprende inoltre una degustazione di miele con annessa premiazione, eventi culinari nell’ambito del progetto “GustoCarnia” e tante altre iniziative. Ulteriori highlight culturali prevedono l’assegnazione del premio letterario “Leggimontagna 2017” e il concorso di cortometraggi “CortoMontagna”, che sarà accompagnato da una serie di proiezioni cinematografiche aperte al pubblico. Va poi menzionato il progetto “Golena Blu”, che si propone di rinaturalizzare un tratto del fiume Tagliamento e offrirà agli studenti uno spazio di apprendimento e di ricerca.

Il 2017 è anche l’anno di “Tour des Villes”, un progetto dell’associazione “Città alpina dell’anno” finalizzato all’uso sostenibile delle aree di riconversione, per sfruttare le superfici esistenti anziché occuparne di nuove. I rappresentanti delle città alpine aderenti al progetto si incontreranno con cadenza regolare, imparando gli uni dagli altri ed elaborando insieme nuove idee su come utilizzare le rispettive aree di riconversione. A dare il via è stata Tolmezzo con l’area militare della Caserma “Cantore” con una superficie di 4,3 ettari. Quale può essere un suo utilizzo sostenibile, e come può diventare un luogo di aggregazione, di cultura e di produttività? Attraverso “Tour des Villes” le città si scambiano esperienze, idee e metodologie: “In un’epoca in cui l’Europa intera vede avanzare forze negative, egoismo e individualismo, far fronte comune è ancora più importante. Le nostre città alpine dimostrano che un futuro felice può essere solo un futuro di condivisione e cooperazione”, sostiene Thierry Billet, presidente dell’associazione “Città alpina dell’anno” e vice-sindaco della città alpina di Annecy.


Fonti e ulteriori informazioni

www.alpenstaedte.org , www.comune.tolmezzo.ud.it , messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2016/08/13/news/si-svuota-la-caserma-cantore-militari-alla-lesa-di-remanzacco-1.13957826

Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter