Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Le Alpi al centro della politica climatica

La politica climatica punta sui comuni: Andreas Pichler, Jochen Flasbarth, Heike Summer e Helmut Hojesky alla COP23 (da sinistra a destra) © Eike Christiansen/BMUB

Nelle Alpi le temperature crescono più rapidamente della media globale. Non solo a Bonn, alla Conferenza mondiale sul clima, si cercano soluzioni.

Dal 6 al 17 novembre 2017 a Bonn si riunisce la Conferenza mondiale sul clima, alias COP23. Simbolicamente il Paese ospitante sono le Isole Fiji, al centro dell’oceano Pacifico. Ma anche le regioni alpine sono rappresentate alla conferenza. In un ecosistema sensibile come le Alpi, il riscaldamento climatico è un fenomeno percepibile quotidianamente dagli abitanti: i ghiacciai si sciolgono, le montagne franano, i torrenti straripano e la neve scarseggia. Già nel 2015 durante la COP21 a Parigi, con l’appello per il clima dei comuni alpini si cercò di portare al tavolo delle trattative la posizione dei comuni alpini, al fine di richiamare l’attenzione sull’importanza di porsi obiettivi ambiziosi e vincolanti.

L’obiettivo “Alpi climaneutrali entro il 2050” che gli Stati alpini si erano posti nel 2016 in occasione della Conferenza delle Alpi di Grassau/D è ancora molto lontano. L’istituzione di un Comitato consultivo sul clima alpino dovrà fornire un contributo in tal senso. Rappresentanti di tutti gli Stati alpini rielaborano insieme il Piano d’azione per il clima della Convenzione delle Alpi del 2009 e definiscono misure attuative. Come ha affermato in un’intervista alla CIPRA Helmut Hojesky, presidente del Comitato consultivo sul clima alpino, il Comitato consultivo ha già redatto un rapporto sulle iniziative esistenti sui cambiamenti climatici, sulla cui base sono stati identificati possibili campi d’azione. “La sfida più grande consiste nel far confluire al meglio questi temi nei mandati futuri e nelle attività correnti”, ha dichiarato Hojesky.

Protezione del clima dal basso

Nell’attuazione gli Stati alpini puntano sui rispettivi comuni. La collaborazione con i comuni presenta grandi potenzialità. La vicinanza ai cittadini li rende partner efficaci per la protezione del clima. Il 6 novembre 2017, giornata di apertura della COP23, è stato presentato il “Partenariato per il clima dei comuni alpini”. In collaborazione con la Rete di comuni “Alleanza nelle Alpi” e “Città alpina dell’anno”, e con il sostegno del Ministero tedesco dell’ambiente, la CIPRA International si propone di rafforzare il ruolo dei comuni e delle città dello spazio alpino per una maggior protezione de clima nei prossimi anni.

Mentre la politica si occupa in gran parte di discutere e prendere decisioni, si procede a rilento sul piano operativo. Questo non è un problema, a condizione che nell’attuazione le competenze e le condizioni quadro siano chiaramente definite. Andreas Pichler, direttore della CIPRA International, dichiara “Il buono viene solo da quello che si fa concretamente”. In tal senso molti comuni e i rispettivi abitanti hanno definito la protezione del clima come priorità di primo piano. “Altri comuni possono imparare da loro, ma anche la politica ai massimi livelli”, conclude Pichler.

Un primo quadro sulle attività del Comitato consultivo sul clima alpino è fornito dal Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi: il rapporto e un opuscolo sul tema “Il cambiamento climatico – Quale impatto ha sulle Alpi e come possiamo agire” possono essere scaricati dal sito della Convenzione delle Alpi.


Fonti e ulteriori informazioni:

www.cop-23.org (en) , http://enb.iisd.org/climate/cop23/enbots (en) , www.cipra.org/it/posizioni/protezione-del-clima-ora , www.alpconv.org/it/organization/groups/AlpineClimateBoard/default.html , www.alpconv.org/it/publications/brochures/default.html , www.bmub.bund.de/themen/nachhaltigkeit-internationales/int-umweltpolitik/alpenkonvention/partnerschaft-der-alpenkommunen-fuer-mehr-klimaschutz-auf-der-cop-23-vorgestellt (de) , http://alpenallianz.org , www.alpenstaedte.org

Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter