Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Noi siamo la macroregione Alpi

Contribuire a plasmare le Alpi del futuro: i rappresentanti della società civile vogliono essere coinvolti nell'elaborazione della strategia macroregionale per le Alpi. © birgitH / pixelio.de

Il 19 dicembre 2013 il Consiglio europeo decide se sarà adottata una strategia europea per lo spazio alpino. Stati e regioni sono impegnati da mesi nella messa a punto di una proposta adeguata - lasciando fuori dalla porta i rappresentanti della società civile. Perché la macroregione ha bisogno della ricerca scientifica, delle ONG e dei comuni.
Il 19 dicembre 2013 i capi di Stato e di Governo dell'Unione europea decideranno se la Commissione europea deve elaborare una proposta per una strategia europea per lo spazio alpino. Quali sono però i temi di tale macroregione? E come si configurano i processi decisionali? Da circa sei mesi gli Stati alpini e alcune regioni selezionate, con il coordinamento del Ministero degli esteri francese, stanno lavorando a una proposta in tal senso. Questo documento si prefigge di rispondere a questioni di principio e, nel caso in cui si decida di adottare una strategia europea per lo spazio alpino, di fornire proposte concrete per la sua attuazione. Tuttavia, i rappresentanti della società civile, le organizzazioni di protezione dell'ambiente e della natura, i Club alpini, la ricerca scientifica e i comuni alpini non hanno potuto partecipare a tale elaborazione.

Strategia UE per lo spazio alpino: basarsi sulle esperienze e sui successi conseguiti
Queste reti e ONG attive a livello alpino praticano da tempo una cultura della cooperazione e del confronto. Ad esempio attraverso la Convenzione delle Alpi. Essa formula obiettivi per la protezione e lo sviluppo sostenibile delle Alpi, fornisce strumenti e una base per la cooperazione. La CIPRA, le reti di comuni, i Club alpini e la ricerca scientifica chiedono pertanto che lo spirito della Convenzione delle Alpi sopravviva anche all'interno di una strategia europea per lo spazio alpino. Otto di queste organizzazioni hanno invitato alla discussione rappresentanti della società civile, quindi hanno raccolto in un documento le loro richieste e proposte comuni per una macroregione delle Alpi. Il documento comprende riflessioni su quali dovrebbero essere i temi di una macroregione e su quali vantaggi trarrebbero la Comunità europea e le Alpi da una strategia comune.

Processi aperti e trasparenti
L'elemento chiave di una strategia europea per lo spazio alpino è una nuova governance, ossia un processo inclusivo. Questo è richiesto sia dalla Commissione europea che dalle otto organizzazioni nel loro documento. "Una macroregione fa compiere un passo avanti all'Europa e allo spazio alpino solo se produce benefici per le persone del luogo", afferma Claire Simon, direttrice della CIPRA Internazionale. Le ONG in qualità di rappresentanti della società civile potrebbero contribuire a trasmettere tale complessa strategia e portare l'esperienza della rete dalle Alpi all'Europa. Affinché ciò sia possibile, è però necessario che le ONG possano intervenire nell'elaborazione di una strategia europea per lo spazio alpino.
Presa di posizione comune delle otto organizzazioni Associazione Città alpina dell'anno, Alleanza nelle Alpi, Club Arc Alpino CAA, CIPRA Commissione internazionale di protezione delle Alpi, ISCAR Comitato scientifico internazionale di ricerca sulle Alpi, Pro Mont Blanc, World Wide Fund for Nature WWF, IUCN Unione internazionale per la conservazione della natura IUCN e ulteriori informazioni: www.cipra.org/it/stampa/comunicati-stampa
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter