Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Parco nazionale del Mercantour

Parco nazionale del Mercantour: la Charta elaborata insieme è stata approvata da 21 dei 28 comuni © Eric Le Bouteiller / Parc national du Mercantour

Il Parco nazionale francese del Mercantour ha una nuova Charta. Per quattro anni si è lavorato alla definizione del documento. Ora 21 dei 28 comuni coinvolti hanno approvato la Charta. Che cosa cambia per loro.
"Con l'entrata in vigore della Charta si conclude una lunga e complessa fase di elaborazione", afferma Fernand Blanchi, presidente del Parco nazionale del Mercantour. Il documento è stato redatto da rappresentanti della politica e delle amministrazioni, associazioni per la protezione dell'ambiente e collaboratori del Parco. Blanchi è soddisfatto del consenso ottenuto dal 75% dei comuni del Parco e auspica di migliorare ulteriormente la collaborazione. Con la sottoscrizione del documento i comuni potranno avvalersi del supporto di esperti, avere sostegno nel finanziamento di progetti e il marchio del Parco nazionale. In futuro, in base al desiderio espresso dai comuni, verrà proposto un maggior numero di progetti comuni, ad esempio per promuovere un turismo ecocompatibile.
Con l'approvazione della Charta i comuni si riconoscono nello sviluppo sostenibile. Un passo non sempre facile: "Per i rappresentanti di alcuni comuni le regole dell'area protetta sono troppo severe. Perciò sette comuni hanno respinto la Charta", dichiara Alain Boulogne della CIPRA Francia. Il presupposto della nuova Charta si basa su una legge nazionale del 2006 che ha imposto una profonda riforma dei parchi nazionali. In seguito a tale legge, nel 2013, per la prima volta dalla fondazione del Parco nazionale nel 1979, i comuni del Mercantour hanno votato per decidere della loro appartenenza all'area protetta.
Fonte e ulteriori informazioni:
www.actu-environnement.com/ae/news (fr), www.mercantour.eu/index.php/presentation (fr)
archiviato sotto: ,
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter