Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Bagliori sulle Alpi

Un falò come segnale per più protezione delle Alpi acceso su un'altura nei pressi del monte Gross Windgällen/CH, nell'ambito dell'iniziativa "Falò nelle Alpi". © CIPRA Schweiz

Dal 1988, nel secondo fine settimana di agosto, si alzano i "Falò nelle Alpi". Perché dopo 25 anni l'iniziativa transnazionale patrocinata dalla CIPRA non ha perso la sua attualità.
Una torbiera bassa e un alpeggio nella Val Madris avrebbero dovuto finire sott'acqua per far posto a un bacino della nuova centrale di pompaggio. I pastori accesero perciò un grande falò di protesta. Da allora i falò di monito per la protezione delle Alpi vengono accesi ogni anno nel secondo fine settimana di agosto in tutto l'arco alpino, nel 2013 all'insegna del motto "La protezione delle Alpi è in pericolo!". La pressione sulle Alpi infatti non è certamente diminuita. Impianti sciistici vengono ampliati sempre più in alto a scapito di ambienti naturali sensibili, l'industria turistica investe su piattaforme panoramiche, ponti sospesi e parchi a tema. "La svolta energetica e il turismo reclamano un allentamento della protezione delle Alpi", dichiara Anita Wyss della Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio. "In nome delle necessità economiche e della creazione di posti di lavoro vengono deturpati paesaggi intatti, e addirittura protetti, che costituiscono elementi essenziali della straordinarietà e della qualità della vita nelle Alpi".
La svolta energetica aumenta inoltre la pressione sulle Alpi come fornitrici di energia in funzione di "batteria d'Europa". "Nelle regioni alpine scarsamente abitate l'opposizione contro gli impianti eolici è molto più debole" ammette Wyss. Molti tratti fluviali ancora ecologicamente intatti, ridotti ormai a una percentuale di circa il 10% nel territorio alpino, sono interessati da progetti idroelettrici, nonostante gli ambienti naturali integri siano un bene limitato ed esauribile. Il 9 agosto 2014 dalle Alpi si solleverà di nuovo un segnale fiammeggiante per dare voce alla natura e ai paesaggi alpini. L'iniziativa è coordinata dalla CIPRA Svizzera.
Ulteriori informazioni: www.feuerindenalpen.com/ (de)
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter