Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Azioni di miglioramento della biodiversità dei laghi alpini.

In seguito alla forte diffusione di alghe, il Lago Doppio/S, solitamente limpido e trasparente, ha assunto una colorazione verdastra. © Tina-Leskosek

L'introduzione di fauna esotica è una minaccia per molti ambienti naturali, in particolare i laghi e gli ecosistemi acquatici. Nel Parco Nazionale del Gran Paradiso ed in quello del Triglav si provvede a rimuovere le specie non autoctone.
Negli anni '60 in alcuni laghi alpini del Parco Nazionale del Gran Paradiso furono introdotte popolazioni di Salmerino di fontana (Salvelinus fontanilis), un pesce originario del Nord America, a scopo ricreativo. Il Salmerino si è ambientato e riprodotto comportando però modificazioni degenerative degli ecosistemi lacustri, danneggiando le comunità di molte specie di zooplancton e provocando la scomparsa di coleotteri e della Rana temporaria. Dal 2013, nell'ambito del progetto per il miglioramento della biodiversità degli ecosistemi acquatici alpini LIFE+Bioacquae, il Parco Nazionale del Gran Paradiso ha previsto l'eradicazione di questa specie alloctona da quattro suoi laghi. Gli interventi vengono condotti in modo non invasivo con l'utilizzo di mezzi manuali. Il progetto prevede anche misure di conservazione a favore della Trota marmorata (Salmo marmoratus) e interventi di miglioramento della qualità degli habitat acquatici d'alta quota.
Problemi analoghi affliggono il Dvojno jezero (Lago doppio) a ridosso del Triglav, nell'omonimo Parco Nazionale sloveno. Nell'anno 1991 furono introdotte popolazioni di Salmerino alpino (Salvelinus alpinus) che ha causato la scomparsa di zooplancton e la crescita eccessiva di diverse specie di alghe. Il lago sta andando verso l'eutrofizzazione. La ricerca idrologica conferma anche l'esistenza della connessione sotterraneo tra il lago e le sorgenti d'acqua potabile. Per queste ragioni la CIPRA Slovenia sta avviando un progetto con lo scopo di recuperare l'ecosistema e migliorare la qualità delle acque.

Fonte e ulteriori informazioni: www.pngp.it/bioaquae, www.cipra.org/sl/CIPRA/cipra-slovenija (sl)
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter