Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Il rincaro del pedaggio autostradale non è auspicabile!

L'Associazione Traffico e Ambiente della Svizzera e l'Iniziativa delle Alpi si mobilitano contro l'aumento del prezzo della vignetta. © dome1990 / flickr.com

L'Associazione Traffico e Ambiente della Svizzera si mobilità contro il consistente rincaro del pedaggio autostradale (vignetta). Con ciò vuole contrastare nuovi progetti autostradali come la costruzione di una seconda canna al tunnel stradale del Gottardo.
Dal 2015 costerà molto di più viaggiare sulle autostrade svizzere: la vignetta passerà dagli attuali 40 a 100 franchi. Ad opporsi, oltre allo schieramento conservatore, favorevole all'automobile, c'è l'Associazione Traffico e Ambiente della Svizzera, che ha avviato una raccolta di firme per un referendum. L'aumento porterebbe nelle casse elvetiche 300 milioni di franchi in più all'anno. "Ciò consentirebbe di accumulare capitali per la costruzione di autostrade non necessarie e per la seconda canna del tunnel stradale del Gottardo". La vignetta non sarebbe inoltre uno strumento adeguato per limitare il traffico", sostiene l'ATA. Questo perché il suo ammontare, a differenza di una tassa sul carburante, è indipendente dai chilometri percorsi dall'automobilista.
Il Governo svizzero aveva proposto la costruzione di una seconda canna al tunnel del Gottardo per poter così restaurare il tunnel esistente. Molte organizzazioni criticano che siano state respinte alternative meno costose e più sostenibili. Tale intervento vanificherebbe il trasferimento del trasporto merci su rotaia stabilito dalla Costituzione e danneggerebbe i grandi investimenti della Nuova trasversale ferroviaria alpina NFTA. Nel mese di aprile l'Iniziativa delle Alpi, anch'essa contraria all'aumento del pedaggio autostradale, ha raccolto, insieme ad altre 30 organizzazioni, 68.000 firme contro la seconda canna. Se il Parlamento voterà come il Governo a favore del secondo tunnel, si ricorrerà al referendum anche in questo caso.

Fonte e ulteriori informazioni: www.alpeninitiative.ch/iniziativa-delle-alpi, www.verkehrsclub.ch/de/online/medien (de)
archiviato sotto:
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter