Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

«Coscienza uguale ad amore, no?»

Nicolas Müller © Gian Paul Lozza

Nicolas Müller è convinto che le prediche non servono, che quel che conta invece è il buon esempio. Per questa ragione Müller, trentenne svizzero, snowboarder professionista, è impegnato a favore della protezione dell’ambiente, come ambasciatore della foresta pluviale, raccoglitore di rifiuti e produttore di abbigliamento sportivo.
«Guarda!», esulta Nicolas Müller. Tiene in mano un piccolo uovo di gallina. Dietro la sua casa a Laax, in Svizzera, starnazzano tre galline e un gallo. Nelle piccole aiuole crescono rape rosse, zucchine e lattuga foglia di quercia. Il trentenne è appena reduce dalla raccolta di rifiuti sul Crap Sogn Gion, la montagna di Laax, che vanta uno dei più grandi comprensori sciistici dei Grigioni. In realtà aveva altri progetti; ma quando una conoscente gli ha chiesto se poteva accompagnare lei e un gruppo di ragazzi della sesta classe ad un’azione di pulizia delle piste, ha subito cambiato i suoi programmi. «E’ veramente emozionante vedere le rocce da cui ti butti in inverno.»
Da metà dicembre fino alla fine di aprile Nicolas vive sulla tavola, per il Team Nike. Non ha concluso la formazione professionale: fin da bambino ha sempre sognato di fare semplicemente lo snow­boarder ed è vissuto per questo. E oggi appartiene all’élite mondiale di questa giovane disciplina invernale. Insieme alla Nike, azienda americana produttrice di articoli sportivi, ha creato un «Boot», ecologico naturalmente. Il set per le foto pubblicitarie è stato il pollaio di Nicolas a Laax, pollame compreso. E’ convinto di essere il primo ambasciatore di una marca che, durante una tavola rotonda con altri boarder, ha fatto una domanda sul materiale, chiedendo se la giacca non poteva semplicemente essere fatta di canapa.
Quando Nicolas gira il mondo per praticare il suo sport, è appassionatamente impegnato nella protezione dell’ambiente. Insieme ad ­alcuni amici ha infatti creato un label di abbigliamento sportivo, ­Atreebutes, che utilizza esclusivamente materiali sostenibili trasformati in condizioni di lavoro eque. Oltre a questo è ambasciatore della Atlantic Rainforest Institution e Presidente della Breathe Foundation. Breathe è la protezione dell’ambiente nel freestyle, afferma Nicolas: raccogliere i rifiuti sulla spiaggia del Costa Rica, registrare il canto degli uccelli in Brasile insieme a un ornitologo, parlare nelle scuole.
Nicolas beve un tè fresco alla menta fatto con le erbe del suo orto, e gioca con il fermacapelli della sua compagna; visto che gira molto in aereo, vuole fare del bene alla natura. All’inizio della sua carriera di snowboarder, non si era affatto reso conto di essere un esempio per i giovani. Ad un certo punto però si è accorto di essere stufo delle domande degli intervistatori, che gli chiedevano sempre dei suoi trucchi preferiti e delle sue cadute più spettacolari. Ha realizzato che la sua sensibilità ambientale lo distingueva dagli altri ­boarder. Nicolas vuole «vivere» in maniera olistica e, quando abitava ancora a Zurigo, usava raccogliere il suo compost in sacchetti di plastica per disperderlo nei boschi durante il fine settimana.
L’essere umano è completamente a suo agio solo se vive in armonia con la natura; Nicolas ne è fermamente convinto. «Le tematiche ambientali non sono sexy; le prediche non servono, quel che conta invece è dare il buon esempio. E’ in gioco la coscienza; e coscienza è uguale ad amore, no?» Mentre il sole tramonta sul panorama alpino, Nicolas parla di simplelife, meditazione Qigong e «One Love» di Bob Marley. Poi se la ride: «Forse un po’ hippie.»

Anja Conzett (24), Malans/CH, Studentessa di giornalismo
*********************************************
Snowboarder con coscienza ecologica
Lo svizzero Nicolas Müller è uno dei migliori snowboardisti al mondo. Nativo di Zurigo, trentenne, gareggia nella lega dei professionisti da quando aveva 17 anni. Nel 2006 e nel 2007 Shaun White lo ha designato «Rider of the Year» sul rinomato «Snowboarder’s Magazine». Ora risiede a Laax, nei Grigioni. Il vegetariano convinto sfrutta la sua popolarità per sensibilizzare altri giovani sui temi sociali e ambientali.
www.atreebutes.com (en)
*********************************************
Origine: Alpinscena n. 97 (www.cipra.org/it/alpmedia/pubblicazioni/5017)
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter