Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Futuro dell'agricoltura di montagna

Agricoltori di montagna: l'agricoltura di montagna contribuisce in misura essenziale alla conservazione del paesaggio culturale nelle Alpi. © Südtirolprojekt/ pixelio.de

Presso l'Unione europea è in via di definizione la nuova Politica agricola comune (PAC). Secondo l'"Alleanza per l'agricoltura e la protezione della natura nello spazio alpino" occorre considerare con particolare attenzione l'agricoltura di montagna. Ora l'Alleanza presenta un catalogo di richieste.
Gli agricoltori di montagna sono svantaggiati dagli attuali aiuti comunitari al settore agricolo. I contributi vengono ad esempio erogati in base alla superficie e non in base al lavoro richiesto. Con ripercussioni rilevanti per la biodiversità nelle Alpi: le aree difficili da coltivare vengono abbandonate, i paesaggi rurali tradizionali spariscono, così come le varietà di piante e animali locali. Questa la denuncia dell'Alleanza per l'agricoltura e la protezione della natura nello spazio alpino, una confederazione che raggruppa circa 200 associazioni di agricoltori e per la protezione della natura, provenienti in prevalenza dallo spazio alpino di lingua tedesca
L'Alleanza chiede che la nuova PAC, a partire dal 2014, tenga in maggior considerazione le particolari prestazioni degli agricoltori di montagna, con l'obiettivo di fornire un sostegno alla conservazione a lungo termine della straordinaria varietà biologica nelle Alpi. I contributi devono favorire la conservazione delle forme di utilizzo del territorio tipiche delle aree alpine e tener conto del maggior carico di lavoro necessario nelle aree montane.
Fonte e ulteriori informazioni: www.euronatur.org/fileadmin/docs
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter