Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Elicottero? Trattore? Fuoristrada? Meglio l'asino.

Boom del turismo dolce con i muli.

Boom del turismo dolce con i muli. © Stephan A. Lütgert / pixelio.de

Per secoli sono stati uno dei mezzi di trasporto più utilizzati in montagna, poi soppiantati da funivie, trattori e fuoristrada per finire agli elicotteri. Parliamo del mulo e dell'asino il cui impiego per il trasporto di materiali e persone pare stia attraversando una fase di rilancio.
Il Gruppo Speleologico Piemontese, nel corso della prossima estate, per trasportare in quota i materiali destinati alla ristrutturazione di un bivacco farà ricorso agli asini di un allevatore della Valle Pesio.
Anche per raggiungere la Sacra di San Michele, nota abbazia all'imbocco della Valle di Susa meta di turisti e pellegrini, si potrà optare per l'asino (oltre che a piedi o attraverso la panoramica via ferrata) evitando di incrementare il traffico che ogni fine settimana causa ingorghi sulla stretta strada di accesso.
In Trentino, il Comune di Telve, nell'ambito del progetto dynAlp-climate della Rete di Comuni "Alleanza nelle Alpi" propone un turismo eco-sostenibile utilizzando asini in sostituzione di mezzi motorizzati per raggiungere località ricettive (malghe e rifugi) di montagna. Meno rumore e inquinamento, ma anche un approccio diverso alla montagna e alla natura da parte dei turisti.
Fonti: www.dislivelli.eu/blog, http://torino.repubblica.it/cronaca/2011/05/15/news, www.alpenallianz.org/it/buone-pratiche/671
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter